Cronaca Valverde / Via Salvo D'Acquisto

Sorpreso in cantina da un condomino, viene bloccato nel palazzo fino all'arrivo della polizia

Il 31 dicembre, nello scantinato di uno stabile di via Salvo D'Acquisto, uno dei residenti ha sorpreso un giovane sconosciuto mentre cercava di scassinare il lucchetto di una porta

Tra le varie tipologie di furti messi a segno spesso e volentieri dai malviventi, si registrano le razzie nelle cantine, proprio come stava per accadere la sera di mercoledì 31 dicembre nello scantinato di uno stabile di via Salvo D’Acquisto, dove la Polizia di Stato è intervenuta in soccorso di alcuni condomini che avevano chiamato il 113 segnalando la presenza di un ladro.

A sventare l’azione furtiva è stato un primo condomino, sceso proprio in tale area del palazzo alla luce di un furto messo a segno qualche giorno addietro. Fatalità l’uomo ha sorpreso un giovane estraneo che svitava il lucchetto di una delle cantine, avvalendosi di un utensile a più lame e di una torcia. Quest’ultimo vistosi scoperto, ha dapprima nascosto in tasca l’attrezzo, per poi estrarlo e puntarlo contro il malcapitato residente, fino a quando non ha creduto di potersi allontanare ma è rimasto braccato all’intero del palazzo avendo trovato tutte le uscite chiuse. L’arrivo di un secondo condomino poi ha permesso di trattenere il ladro fino all’arrivo di una Volante della Polizia.

All’atto della perquisizione il ladruncolo, un rumeno 28enne, è stato trovato in possesso di un giravite e diverse lame a punte utili per lo scasso. Stamane l’udienza di convalida dell’arresto con il differimento del processo al prossimo 4 marzo, stante la richiesta dei termini a difesa; nel frattempo, però, nei suoi confronti l’Autorità Giudiziaria ha disposto l’obbligo di firma.

Per evitare razzie o furti di biciclette custodite nei garage o nelle cantine, la Polizia avverte i cittadini e fornisce indicazioni per cercare di limitare simili furti. In primis, prestare la massima attenzione, e soprattutto segnalare alle forze dell'ordine, presenze estranee o circostanze sospette come ad esempio eventuali segni fatti sui muri o porte dei garage e cantine. I preferiti dai ladri sono proprio i condomini dove ci sono i garage interrati, sui quali possono "lavorare" senza essere visti; se le biciclette all'interno dei garage sono legate alle pareti con catene è verosimile che i ladri le possano tranciare. L'orario in cui avvengono questi fatti è una variabile relativa, i ladri agiscono sempre con lo stesso "modus operandi", praticando un taglio per forzare la serratura: il buco viene fatto per verificare con l’uso di una torcia cosa c’è all’interno e individuare il materiale da rubare. Ad essere prese di mira dai ladri non sono solo le biciclette costose, moderne da corsa, mountain bike, elettriche e di altro tipo, ma anche le provviste alimentari, come salami, formaggi, vini etc. che in un periodo di crisi come quello attuale diventano un'appetibile refurtiva.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpreso in cantina da un condomino, viene bloccato nel palazzo fino all'arrivo della polizia

VeronaSera è in caricamento