Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Stadio / Piazzale Olimpia

Verona, violenza Hellas al Bentegodi nelle ultime 4 partite: volano 18 anni di Daspo e 9 denunce

Clamoroso giro di vite della polizia di Verona dopo aver raccolto per giorni dati utili all'individuazione dei responsabili. Telecamere non tradiscono. Nei guai otto tifosi gialloblù e un napoletano

Il messaggio che la Questura di Verona intende far passare è che "nessun guaio combinato allo stadio resterà impunito". Se non subito, gli investigatori penseranno a inquadrare ogni caso anche a distanza di giorni. Ma il risultato è che altri ultras finiranno "daspati" o denunciati. A seguito di alcuni episodi di violenza durante gli ultimi incontri di calcio dell’Hellas Verona, infatti, le indagini della sezione Digos hanno permesso di procedere alla segnalazione dei responsabili e all’emissione dei relativi Daspo.

ULTIME PARTITE - In particolare, un 29enne veronese residente a Villafranca, responsabile di un’aggressione ai danni di un tifoso cagliaritano, a cui aveva strappato la sciarpa per poi darsi alla fuga, è stato denunciato a piede libero per i reati di furto con strappo, danneggiamento e percosse ed inoltre sottoposto a Daspo della durata di tre anni.

HELLAS-CHIEVO - Più numerosi, invece, i tifosi indagati a seguito dell’incontro Hellas-Chievo. Si tratta, in primo luogo, di un un altro villafranchese, di 31 anni, che si era arrampicato sulla cancellata di separazione tra Curva Nord e tribuna Ovest. Invitato da uno steward ad allontanarsi, di tutta risposta lo aveva colpito con schiaffi e pugni al volto. Il tifoso è stato denunciato a piede libero per il reato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e sottoposto a Daspo della durata di tre anni.

Nelle mire della polizia anche un 39enne veronese che, durante il deflusso dallo stadio, aveva cominciato ad urlare frasi oltraggiose nei confronti di un agente di polizia che stava riprendendo le manovre. Denunciato a piede libero per il reato di oltraggio a pubblico ufficiale, e sottoposto a Daspo per tre anni.

Responsabile dell’episodio più grave durante il derby scaligero è stato, invece, un uomo di 37 anni di Villafranca ma residente a Lugagnano, il quale, al termine della partita, aveva colpito con uno schiaffo all’altezza dell’orecchio destro un giovane minorenne, tifoso clivense. L’uomo, un ultrà già noto alle Forze dell’ordine è stato denunciato per il reato di lesioni personali in concorso e per violazione del divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive. Il 37enne era stato già sottoposto a un Daspo di cinque anni per i fatti di Livorno, in cui erano stati lanciati insulti nei confronti dello scomparso calciatore Piermario Morosini. A carico del tifoso, il questore di Verona, Vito Danilo Galgiardi, ha avviato la procedura amministrativa per l’emanazione di un ulteriore divieto.

Grazie ai filmati delle telecamere di sorveglianza si è potuto individuare anche un 46enne veronese, presente nel momento dell'aggressione, anch’egli con un Daspo in atto. Per tale motivo è stato denunciato in stato di libertà, oltre che sottoposto ad un inasprimento del provvedimento.

HELLAS-ATALANTA - Le indagini della Digos hanno interessato anche altri incontri, fra cui Hellas-Atalanta. A tale riguardo, un 23enne di Bovolone, che durante la partita si era avvicinato provocatoriamente allo schieramento degli agenti per lanciare una serie di insulti, è stato denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale e sottoposto a Daspo della durata di un anno. Un altro tifoso, residente a Padova, è stato denunciato a piede libero perchè aveva acceso un fumogeno in Curva Sud: aveva violato il divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive e sottoposto. E' stato quindi raggiunto da Daspo di un anno.

HELLAS-NAPOLI - Gli ultimi due provvedimenti riguardano, invece, l’incontro Hellas-Napoli. In particolare, un 50enne residente a Sant'Ambrogio di Valpolicella, è stato denunciato per il reato di oltraggio a pubblico ufficiale e sottoposto a Daspo della durata di un anno, a causa degli insulti e le invettive lanciate nei confronti dei poliziotti mentre un tifoso partenopeo di 39 anni, scoperto presso il casello di Verona Nord, con una mazza da baseball nascosta in auto è stato denunciato per possesso di oggetti atti ad offendere a causa di manifestazioni sportive. Anche a suo carico è stato emesso il divieto di frequentare gli stadi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, violenza Hellas al Bentegodi nelle ultime 4 partite: volano 18 anni di Daspo e 9 denunce

VeronaSera è in caricamento