menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le scuole "Betteloni" a Montorio Veronese

Le scuole "Betteloni" a Montorio Veronese

Verona, urla e lancio di oggetti in classe: bufera dei genitori contro il nuovo maestro delle Elementari

La lettera di protesta delle famiglie dei bimbi che frequentano la prima alle "Betteloni" di Montorio arriva fino al provveditorato regionale. Verrà inviato un'ispettore. Alcuni piccoli già trasferiti in altre scuole. Altri tenuti in casa

La pazienza, si sa, ha un limite. Così anche la severità. Se poi c’è carenza della prima e abbondanza della seconda le polemiche sono dietro l’angolo. Sta facendo discutere il metodo d’insegnamento di un maestro delle Elementari “Betteloni” a Montorio. Pare infatti che alcuni genitori stiano protestando per le notizie che si sono susseguite da quando, da ottobre, un insegnante si è insediato in cattedra. La stessa cattedra sulla quale, secondo il Corriere di Verona, il maestro sarebbe balzato in piedi durante una “appassionata” lezione. Mamme e papà dei bimbi in prima elementare nella scuola di piazza Buccari avrebbero già avanzato una lettera per segnalare quanto si dice in giro. E cioè che urla, metodi bruschi e lancio di oggetti (gessetti e astucci) non rientrerebbero nella “migliore educazione” da infondere ai propri figli. Specialmente a scuola e al primo anno di frequentazione. Il quotidiano locale avrebbe già cercato conferme della storia ma la preside ha deciso di tutelare la privacy di tutti i coinvolti.

Quella lettera scritta a più mani dai genitori delle due classi non sarebbe stata firmata “solo” da tre famiglie ed è stata recapitata anche al Provveditorato scolastico regionale. Un ispettore sarebbe dunque in arrivo ma le reazioni hanno anche preso una nuova strada. Quella della petizione con cui si chiede di accertare l’idoneità di insegnamento del maestro. Il giornale locale spiega anche che, oltre ai presunti lanci di oggetti, alle grida e all’atteggiamento sopra le righe, sarebbero arrivate anche “minacce” ai bimbi per non dire “niente a casa”. Il caso avrebbe poi spinto alcuni genitori a tenere a casa i figli per diversi giorni e addirittura altri bimbi avrebbero cambiato scuola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

  • Casa

    Bollette luce e gas: come ottenere la rettifica

  • Formazione

    Quali sono le soft skills più richieste nel 2021? Come apprenderle

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento