Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca San Massimo / Via Friuli

Verona, tutta la notte a rubare cavi di rame nel cantiere edile: li arrestano con 500 chili

Due giovani dell'Est Europa fermati dopo che due cittadini avevano segnalato la loro presenza sospetta. La polizia li becca mentre armeggiano tra pesanti sacchi neri dietro ad alcuni cespugli. Rinchiusi in carcere

Continua anche nel periodo natalizio il fenomeno dei furti di rame ma ad aiutare le Forze dell'ordine ci sono anche le sempre più presenti segnalazioni da parte dei cittadini. Due giovani dell’Est Europa, un 33enne di origine romena e un 25enne albanese, sono stati infatti arrestati per il furto di 500 chili di metallo.

L'intervento della polizia di Verona risale alle 7 di martedì mattina, quando alla sala operativa è giunta una chiamata di una residente in via Friuli, rimasta insospettita da due individui che si aggiravano nel parco davanti alla sua abitazione, armeggiando dietro alcuni cespugli e trasportando poi dei pesanti sacchi neri vicino ad alcuni cassonetti. La conferma è arrivata poi da una secondo telefonata, mentre una pattuglia delle Volanti si dirigeva sul posto. Avvistati i due sconosciuti, visibilmente stanchi e bagnati, gli agenti hanno avviato le procedure per l'identificazione e di controllo. Nei sacchi neri sono stati così scoperti i numerosi cavi di rame. I due, a quel punto, non hano potuto far altro che confessare il furto, perpetrato ai danni di una vicina ditta di costruzioni edili, in via Brigata Aosta.

Il raid dei ladri, vista la grossa mole di metallo, aveva richiesto tutta la notte, durante la quale si erano introdotti nella ditta e grazie ad una trancia trovata a terra avevano forzato i grossi lucchetti delle rimesse. Alla luce di quanto accertato, i poliziotti li hanno arrestati per furto aggravato in concorso. Rimarranno in carcere fino all'udienza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, tutta la notte a rubare cavi di rame nel cantiere edile: li arrestano con 500 chili

VeronaSera è in caricamento