menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, truffa dello specchietto a Peschiera ai danni di un carabiniere in pensione: arrestati

Due uomini sono finiti in manette dopo aver tentato di truffare un 78enne. Dopo il classico schiaffo all'auto dell'anziano si sono presentati con in mano lo specchietto della loro Bmw chiedendo 250 euro come risarcimento. L'imbroglio è stato sventato da una pattuglia dei carabinieri che avevano notato la consegna del denaro

Truffa aggravata ai danni di un'anziano: con questa accusa sono finiti in manette Giuseppe Fiasché, 38 anni di Cosenza, e Francesco Di Giovanni, 22 anni di Nola, che avevano inscenato la classica "truffa dello specchietto". Arresto convalidato dal giudice del tribunale di Verona, rinviando il processo a febbraio e disponendo l'obbligo di firma nel loro paese di residenza (Noto, vicino a Sicurasa) per i due imputati.

L'episodio risale a domenica mattina quando i due, già noti alle forze dell'ordine, avevano tentato di truffare un anziano di 78 anni in via Mantova, a Peschiera. La tecnica è sempre la stessa: mentre la vittima, un carabiniere in pensione, era intenta a fare manovra, uno dei due aveva colpito l'auto con uno schiaffo. Poco dopo ecco che i due uomini si presentano dal 78enne con in mano lo specchietto della loro Bmw, chiedendo un risarcimento di 250 euro.

La vittima del raggiro è riuscita a concordare un anticipo di 70 euro, ma proprio nel momento in cui stava avvenendo la consegna dei soldi è arrivata una pattuglia dei carabinieri di Peschiera che ha sventato l'imbroglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento