menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, trova tre ladri in casa di notte: il padrone messo a sedere assiste al furto senza fiatare

L’uomo ha acconsentito ad ogni richiesta e ha dovuto assistere alla terrificante scena di un’intera banda che fruga nei propri cassetti e nei mobili. Bottino di 300 euro e poi la fuga. Allarme a Peschiera

Svegliato dai rumori in casa sua, ha trovato tre furfanti intenti a svuotargli i cassetti che gli hanno intimato di sedersi in poltrona e attendere che avessero finito. Una paura non da poco per un pensionato veronese di 83 anni, nella sua abitazione di Peschiera del Garda. Verso mezzanotte e mezza di martedì scorso, in località Lizzara Nuova, l’uomo si era alzato dal letto e ha letteralmente sorpreso in azione i topi d’appartamento. Che però una volta faccia-a-faccia con il padrone di casa non sono fuggiti. Anzi. Gli hanno indicato la poltrona e gli hanno ordinato di sedersi per non incorrere nelle furie dei tre ladri, incappucciati e con un presunto accento dell’Est Europa.

L’anziano ha acconsentito ad ogni richiesta e ha dovuto assistere alla terrificante scena di un’intera banda che fruga nei propri cassetti e nei mobili. Per paura di reazioni sconsiderate l’83enne è stato in silenzio, pietrificato dal timore. Alla fine il bottino sono stati 300 euro contenuti nel portafoglio e il vecchio cellulare per impedire che potesse chiamare il 112 in tempi rapidi. I tre ladruncoli, senza alzare le mani e senza armi, sono riusciti a guadagnarsi la via di fuga, sparendo nella notte. La vittima del furto ha dovuto correre da un vicino per poter telefonare ai carabinieri e dare l’allarme. Le indagini sono in esecuzione da parte dei carabinieri di Peschiera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento