Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Arcole / Via Padovana

Tremenda esplosione in una ditta di Arcole. Morto un operaio di 33 anni, ustionato l'amico

Secondo i vigili del fuoco, lo scoppio è dovuto alla dei fumi di benzina all'interno della cisterna che i due stavano saldando: il giovane è stato scaraventato a terra, dove ha sbattuto violentemente la testa

Una tremenda esplosione si è verificata nel tardo pomeriggio, intorno alle 16, alle ex Officine Crestani, ora affidate ad una ditta toscana per lavorazioni metalmeccaniche, nel comune di Arcole. 
Nell'incidente è morto un giovane operaio di 33 anni residente a San Bonifacio, mentre un suo collega e amico (i due abitavano vicini e andavano insieme al lavoro) è rimasto gravemente ustionato.
I due stavano saldando una parte di cisterna e secondo i vigili del fuoco, le cause dello scoppio sono da imputare ai fumi di benzina ancora presenti al suo interno. I due sono stati scaraventati a terra dalla violenta deflagrazione e il 26enne, nell'occasione, avrebbe sbattuto violentemente la testa.
Sul posto sono interventuti i vigili del fuoco con tre squadre, in tutto una decina di uomini, i carabinieri di San Bonifacio e i tecnici dello Spisal dell’Ulss 20 Ingenti i danni alla struttura.

Intanto il magistrato che indaga sull’esplosione ha disposto il sequestro del capannone.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tremenda esplosione in una ditta di Arcole. Morto un operaio di 33 anni, ustionato l'amico

VeronaSera è in caricamento