Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Circonvallazione Pietro Maroncelli

Ca’ del Bue, tre Comuni dicono di no all’inceneritore. “Serve solo per fare soldi, è dannoso per la salute”

Continua la polemica, i primi cittadini di San Giovanni Lupatoto, San Martino Buon Albergo e Zevio non vogliono che l'impianto venga riaperto. "A guadagnarci sono solo le casse di Agsm e del Comune di Verona, pericolo per l'ambiente"

I primi cittadini di San Giovanni Lupatoto, San Martino Buon Albergo e Zevio sono contrari alla presenza dell’inceneritore a Ca’ del Bue. La sua riattivazione come opera strategica a livello nazionale, secondo loro, serve non tanto a esigenze ambientali quanto, grazie allo smaltimento dei rifiuti provenienti dal sud, a intascare soldi da inserire nelle casse di Agsm e del Comune di Verona. Diventa pertanto uno strumento economico, non una necessità finalizzata alla salute dei veronesi.

Come si legge sulle pagine de L’Arena, i sindaci dei tre Comuni oppositori si contrappongono a quella che definiscono una “balla”. Il Veneto non ha bisogno di altri inceneritori, già quello di Venezia è stato chiuso, nella regione ci sono Comuni virtuosi che praticano la raccolta differenziata. Appena l’impianto verrà rimesso in funzione le polveri emesse si riverseranno sui territori circostanti e i tre primi cittadini continueranno a protestare anche in futuro, non è giusto, secondo loro, che a farne le spese siano gli abitanti della zona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ca’ del Bue, tre Comuni dicono di no all’inceneritore. “Serve solo per fare soldi, è dannoso per la salute”

VeronaSera è in caricamento