menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Era già sotto l'occhio dei carabinieri ed è stato tradito dai suoi clienti: pusher in manette

Un'indagine iniziata durante l'estate, è finita con l'arresto di un 28enne con le accuse di spaccio e produzione di sostanza stupefacente, dopo che è stato trovato in auto con 50 grammi di hashish grazie alla collaborazione di alcuni consumatori

Era finito sotto l'occhio vigile dei carabinieri della stazione di Villafranca di Verona a sua insaputa e ora si trova in carcere a Montorio, in attesa di rispondere delle accuse di spaccio e di produzione di sostanza stupefacente. 

Le indagini dei militari sono iniziate questa estate e hanno permesso di individuare in Pierluigi Tondo, classe 1985 elettricista residente ai Calzoni di Villafranca, un elemento di spicco nella produzione e nello spaccio di hashish e marijuana tra la frazione di Alpo e il comune di Povegliano Veronese. Appostamenti e pedinamenti hanno permesso ai militari di farsi un'idea del giro d'affari del 28enne. 

Grazie alla collaborazione di alcuni consumatori, i carabinieri hanno fermato l'uomo a bordo della sua Audi A3 mentre trasportava 50 grammi di hashish. Dalla successiva perquisizione a casa di Tondo sono spuntati: 480 grammi di hashish, 850 grammi di marijuana, due serre dedicate alla coltivazione della canapa e 18 piante, 1000 euro in contanti. 

Segnalato alla Procura della Repubblica di Verona, l'indagine è poi terminata agli inizi di settembre e il giovane villafranchese è stato quindi arrestato su disposizione della magistratura. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento