Cronaca Borgo Trento / Piazzale Aristide Stefani

Verona, tossici e sbandati nelle aree chiuse dell'ospedale: 13 abusivi e due denunce a Borgo Trento

Sono dodici uomini ed una donna, principalmente italiani. Un agente ferito alla mano. Il controllo ha riguardato sotterranei, palazzine, zone di transito e sale d’aspetto, nonché alcune aree non utilizzate al momento

Usati come dormitori e "covi" o ripari. Il problema è che coloro che li occupano non sono nè "assistiti" ne tantomeno autorizzati. E ormai sembra una tradizione quella di Borgo Trento. Tredici persone sono state fermate nella notte tra venerdì e sabato dalla Polizia municipale, impegnata in un esteso controllo dei padiglioni dell’ospedale "maggioore". Sono dodici uomini ed una donna, principalmente italiani, che dormivano all’interno dell’ospedale, in luoghi momentaneamente inutilizzati e comunque non frequentati. Solo due di essi sono stati segnalati all’autorità giudiziaria.

Si tratta di un 61enne che ha minacciato il personale medico-ospedaliero, presente al momento dell’intervento, ed un 48enne con problemi di tossicodipendenza, che ha tentato di sottrarsi al controllo. Un agente è rimasto leggermente ferito ad una mano. Il controllo ha riguardato sotterranei, palazzine, zone di transito e sale d’aspetto, nonché alcune aree non utilizzate al momento. Al termine delle verifiche sull’identità personale tutte le persone fermate sono state rimesse in libertà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, tossici e sbandati nelle aree chiuse dell'ospedale: 13 abusivi e due denunce a Borgo Trento

VeronaSera è in caricamento