Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza Brà

Verona, torna l'estate e la polemica sui plateatici: "Sono pericolosi". Il Comune: restano dove sono

Meglio affittare gli stalli blu a bar e ristoranti o seguire i cittadini che lamentano di avere problemi a passare per il centro storico? C'entra la Ztl: si propone di chiuderla al traffico ma molti sono contrari. E poi l'affitto rende

Torna l’estate, torna la pedonalizzazione in centro e tornano i plateatici fuori dai locali. E, come ormai consuetudine, scattano le polemiche per presunte “occupazioni” selvagge di tavolini e sedie. Una storia che si ripete da anni, forse anche strumentalizzata. Sta di fatto che la situazione dei plateatici sembra avere a che fare anche con l’introduzione di alcuni sbarramenti della Zona a traffico limitato, la Ztl. Secondo L’Arena sarebbero giunte nelle scorse ore “tante” segnalazioni di cittadini che transitano per il centro e ritengono un pericolo i tavolini sugli stalli blu davanti a bar e ristoranti. Per raggiungerli i camerieri devono attraversare la strada che in certi momenti è molto trafficata. Per questo si farebbe largo l’ipotesi di riduzione degli orari della Ztl. La proposta nasce in commissione comunale Viabilità e trasporti.

Un primo problema viene portato dall’assessore di competenza, Enrico Corsi, che ha confessato la contrarietà di residenti e commercianti sulla chiusura della Zona. In più il Comune non intende ridurre gli spazi concessi (e pagati) dagli esercenti proprio per accogliere all’aperto i turisti, vista la bella stagione. Motivo del contendere è l’occupazione degli stalli blu. Un numero comunque irrisorio rispetto agli altri disponibili in città: si parla di 30 posti auto sul totale dei 1700 a pagamento. Da marzo a settembre sono stati prenotati dai locali. Direttamente all’Amt, che li gestisce. Come spiega il quotidiano locale costano 160 euro al mese ognuno (140 euro a Borgo Trento, Veronetta, San Zeno, Citadella). Che fanno 4800 euro al mese garantiti per l’azienda che si occupa di parking e mobilità. La sosta porta invece 600 euro l’anno in Ztl e 300 nei quartieri non recintati dalla Ztl.

ZTL PIU' CARA ALLA SERA: SERVE A SPOSTARE LE AUTO FUORI DAL CENTRO

Non ci mette nulla a replicare a Corsi, il Partito Democratico: "Dopo quasi otto anni l'assessore deve ancora studiare (o meglio farsi spiegare) che cosa è meglio fare per il centro storico - spiega Michele Bertucco capogruppo del Pd in Comune -. Credo che questa sia una condizione allucinante che la nostra città non si merita. Ogni anno a causa della totale mancanza di programmazione e della incapacità di mettere a confronto le parti, si rinnovano i conflitti tra residenti e commercianti, tra pedoni e automobilisti e tra quest'ultimi e i ciclisti. C'era, da parte di Corsi, un impegno a pedonalizzare ma non è stato mantenuto. Nel 2009 la giunta aveva adottato il Piano del Traffico, ma da allora non è mai stato portato in Consiglio. Per quanto tempo ancora questa amministrazione vuole continuare a prendere per il naso i cittadini?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, torna l'estate e la polemica sui plateatici: "Sono pericolosi". Il Comune: restano dove sono

VeronaSera è in caricamento