Cronaca Bussolengo / Via Roma

Verona, tenta truffa in sala slot e viene denunciato. Torna per farla pagare alla "spia" e viene arrestato

Era entrato nella sala giochi e si era “inventato” che la macchinetta si era trattenuta la sua banconota da 50 euro. Il titolare ha controllato, solo che una volta aperta lo sportellino dei soldi non c’era traccia

Tenta la truffa e viene denunciato, poi torna per dirne quattro “alla spia” e viene denunciato una seconda volta. E’ successo a Bussolengo con protagonista un cliente albanese di un bar-sala slot machines. L’uomo, non contento di ciò che aveva combinato, ha pensato di rifarsi ma è caduto una seconda volta in errore. Era entrato nella sala giochi e si era “inventato” che la macchinetta si era trattenuta la sua banconota da 50 euro. Il titolare ha fatto presto a controllare, solo che una volta aperta lo sportellino dei soldi non c’era traccia. E così ha chiamato i carabinieri. I militari, giunti sul posto, hanno trasferito il cliente “furbetto” in caserma per gli accertamenti. Lui, una volta uscito dai controlli e fuori di se’, ha pensato bene di tornare nella sala slot e minacciare il titolare del locale, colpevole della “soffiata”.

Per poco non scattava la violenza: la vittima ha chiamato però una seconda volta il 112 che arrivati sul posto si sono visti offendere. Sono scattate le manette con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. Fino al processo l’uomo è stato liberato ed è stato disposto per lui, come spiega il Corriere Veneto, l’obbligo di firma.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, tenta truffa in sala slot e viene denunciato. Torna per farla pagare alla "spia" e viene arrestato

VeronaSera è in caricamento