Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Via Franceschine

Verona, tagli dal Ministero: le "pattuglie miste" di esercito e polizia costrette a fare un dietrofront

Dal primo gennaio non ci saranno più i servizi per la "sicurezza" che alcuni giorni fa erano stati annunciati nel corso di un vertice tra le Forze dell'ordine in prefettura a Verona. Si continuerà "solo" con il presidio di obbiettivi sensibili

La proposta era stata accolta con molto favore da tanti. Sindaco di Verona, vertici delle Forze dell’ordine, residenti e negozianti esasperati dalla presunta escalation di furti e rapine, in città come in periferia. Purtroppo le pattuglie dell’esercito devono fare dietrofront: ad una settimana dall’annuncio della Prefettura sul rafforzamento dei controlli, la missione “sicurezza” estesa anche ai territori fuori dal centro verrà rimodulato. Nemmeno il tempo di organizzare i turni che l’esercito ha comunicato alla questura che le tanto agognate “pattuglie miste” di agenti e militari non saranno garantite dal primo gennaio. La lettera è stata recapitata nel scorse ore alla sede della polizia di lungadige Galtarossa a Verona e agli uffici della prefettura in piazza dei Signori. A quanto pare l’esercito si occuperà solo di controllare gli obbiettivi ritenuto “sensibili” con presidi fissi. Questo anche per effetto dei tagli previsti nel Corpo armato: a Verona i militari scenderanno da 64 a 20 e il servizio di perlustrazione e pattuglia subirà pesanti conseguenze. In caso di emergenza la camionetta verde potrà “solo” convergere sul posto più vicino. Il capoluogo non sarà l’unico a sostenere questa decisione. In tutte le città, a quanto pare, calerà la presenza dei ragazzi in mimetica. Si vogliono risparmiare 50 milioni di euro, mettendone a disposizione 10, togliendo al contempo l’impiego di circa 1300 soldati in tutta Italia.

Ad essere testimone della “rimodulazione” dell’operazione delle pattuglie miste è stato il deputato veronese del Partito Democratico, Vincenzo D’Arienzo, membro della commissione Difesa alla Camera. Inizialmente prevista per affiancare e sgravare poliziotti, finanzieri e carabinieri del lavoro di pattugliamento, ora si occuperanno degli obbiettivi “sensibili”, come all’aeroporto. A schierarsi contro la proposta erano stati i sindacati di polizia, fin da subito. Di tutt’altra opinione il presidente del Veneto, Luca Zaia, e il sindaco Flavio Tosi. Dall’inizio dell’autunno fino ad oggi, quando i casi di furti ed episodi criminosi avevano subito un incremento, dalla Regione era stata chiesta la disponibilità dell’esercito per formare quelle stesse pattuglie miste.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, tagli dal Ministero: le "pattuglie miste" di esercito e polizia costrette a fare un dietrofront

VeronaSera è in caricamento