Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca San Martino Buon Albergo / Via Campalto

Verona, svaligiano il banco del Parmigiano vestiti con mute da sub: due arresti

In manette finiscono due giovani rumeni di 24 e 26 anni. Erano entrati agghindati in quel modo per mascherare il rigonfiamento provocato dai pezzi trafugati. Un commesso riesce a smascherarli e li insegue

Per mascherare il rigonfiamento provocato dalla refurtiva hanno indossato le mute da sub. Il colpo, tuttavia, è finito male ugualmente dato che i due ladri, due cittadini di origine rumena di 26 e 24 anni sono stati arrestati dai carabinieri di San Martino Buon Albergo. Proprio in paese, al supermercato Eurospin di via Campalto, aveva colpito la coppia, totalizzando almeno trenta chili di Parmigiano reggiano. Una quarantina i pezzi trafugati e nascosti nella muta da sub sotto alla felpa e al giubbino.

Ad accorgersi che qualcosa in quei due clienti non andava è stato un commesso del negozio: da troppo tempo erano fermi in un punto preciso del supermercato, il bancone dei formaggi. Toccavano, prendevano la merce ma non si recavano mai alla cassa. In realtà ciò che prendevano in mano lo nascondevano pure. Sui fianchi, dietro la schiena: ovunque. A reggere il gioco sarebbero stati gli indumenti in neoprene "contenitivi" sotto e quelli di cotone, larghi, sopra. Lo stesso dipendente, secondo l'Arena, ha provveduto a smascherarli: li ha urtati e ha sentito le sporgenze adese al corpo. A quel punto i due giovani sono scappati, colti in piena flagranza di reato, inseguiti dal commesso. La chiamata al 112, intanto, aveva spinto a dirottare una pattuglia sul posto. I carabinieri li hanno trovati nei pressi della tangenziale e arrestati. Mercoledì si sono presentati entrambi davanti al giudice Livia Magri. Hanno patteggiato 8 mesi e 150 euro di multa. La pena è stata sospesa e i due giovai sono tornati in libertà. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, svaligiano il banco del Parmigiano vestiti con mute da sub: due arresti

VeronaSera è in caricamento