menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, stazione Porta Nuova chiusa alle auto: il primo giorno passa (quasi) senza intoppi e proteste

Raccomandazioni agli automobilisti veronesi, qualche centinaio al giorno, che tra le 7 e le 9 erano soliti transitare davanti alla stazione per evitare i semafori della zona tra via Città di Nimes e piazzale XXV Aprile. (Unica) lite tra due conducenti

Transito auto vietato in stazione, Porta Nuova passa (quasi) indenne la piccola rivoluzione causata dai lavori. A partire da lunedì 27 ottobre sono infatti scattati i divieti in piazzale XXV Aprile. Il traffico è stato interdetto all’altezza di una nuova area per la sosta breve “kiss&ride” di 15 minuti, posizionata alla fine del rettilineo che dall’incrocio con via Palladio conduce alla stazione. La nuova area di parcheggio breve avrà 28 stalli di sosta. Continua comunque ad essere disponibile l’area per la sosta breve attualmente in uso, contigua a quella di nuova realizzazione. Giunti alle due aree di sosta, quindi, gli automobilisti non possono più proseguire verso l’entrata, ma devono ritornare indietro lungo il medesimo percorso, verso l’incrocio con via Palladio. La polizia municipale, da due settimane, ha rivolto una particolare raccomandazione agli automobilisti veronesi, qualche centinaio al giorno, che tra le 7 e le 9 erano soliti transitare davanti alla stazione per evitare i semafori della zona tra via Città di Nimes e piazzale Porta Nuova, utilizzando il percorso come scorciatoia: tale manovra non è più consentita. Il divieto di transito, che si rende necessario per consentire l’avanzamento del cantiere sul fronte stazione Porta Nuova, anticipa di fatto quello che sarà l’assetto finale di piazzale XXV Aprile. Una volta ultimato l’intervento di ristrutturazione del piazzale da parte di Grandi Stazioni, che prevede la realizzazione nel sottosuolo di un parcheggio per 293 posti auto, non sarà infatti più consentito al traffico privato di transitare davanti alla stazione. In pratica la misura avrà carattere permanente ed è perciò meglio che i veronesi ci si abituino.

La chiusura è scattata verso le 9e20, dopo che gli operai avevano concluso la segnaletica orizzontale per la nuova corsia di bus e taxi. Per i primi tempi la polizia municipale fornirà uomini e mezzi adeguati a informare gli automobilisti. Un presidio “fisso” che vede agenti agli angoli di prima mattina, per incanalare il traffico nelle giuste direzioni. A sinistra sarà consentito il transito per la sosta breve, a destra quello dei mezzi pubblici. Ad aiutare gli agenti del Comune anche i poliziotti della Ferroviaria. Devono calmare gli scontenti, armandosi di pazienza. Alcuni automobilisti, come spiega L’Arena, ipotizzano disagi per la sosta breve (“Se il treno è in ritardo e aspetto una persona che me ne faccio di 15 minuti?”). Casi “limite” ma su cui comunque gli agenti devono intervenire. Alcuni lamentano pochi stalli disponibili (sono “solo” sei) vicino all’ingresso della stazione. E i problemi li devono affrontare soprattutto gli anziani che devono trascinare bagagli. A temere le conseguenze più difficili sono invece i ciclisti. Il progetto a Porta Nuova prevede una ciclabile attorno al piazzale ma nascerà in ultima, dopo che i lavori principali saranno terminati. Nel frattempo la parola d’ordine è “cautela” da parte di automobilisti e persone in bici. Quest’ultime per guadagnare posti in stazione dovranno schivare auto e attraversare anche corsie riservate a auto, bus e taxi.

Al primo giorno di test, non sono mancati episodi che hanno scaldato gli animi. I vigili sono dovuti intervenire, verso le 10 di lunedì, per sedare una lite tra conducenti. Avvisati da un passante, hanno calmato i due che si erano accapigliati per un parcheggio sbagliato. Dopo aver sostato, i due sono scesi dalle rispettive macchine e si sarebbero messi le mani addosso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento