menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Verona, Flavio Tosi

Il sindaco di Verona, Flavio Tosi

Verona, slitta "Family happening". Non è autorizzato dalla Sovrintendenza

L'ira del sindaco Tosi: “Non ci aspettavamo un provvedimento di questo tipo. Evidente che una delle riforme indispensabili è quella di passare, a livello regionale, le competenze dell'ente”

Non ci aspettavamo un provvedimento di questo tipo. È evidente che una delle riforme indispensabili in questo Paese è quella di passare, almeno a livello regionale, le attribuzioni e le competenze della Sovrintendenza”. Questo il commento del sindaco Flavio Tosi sulla mancata autorizzazione, da parte della Sovrintendenza per i beni architettonici e paesaggistici, allo svolgimento in centro storico della manifestazione "Family happening" in programma da venerdì 13 a domenica 15 settembre.

"HAPPENING" DI TRE GIORNI PER PORTARE IN PIAZZA LE FAMIGLIE VERONESI

“Questo non significa che io abbia dei rilievi di tipo personale da muovere alla sovrintendente Gianna Gaudini – spiega Tosi – con la quale c’è sempre stata una reciproca volontà di collaborare, ma è sbagliato il meccanismo. Vanno previsti organi di nomina al massimo regionale, che quindi rispondano ai cittadini, perché se nominati dal presidente della Regione o dalle autorità locali hanno la sensibilità di capire quali sono gli interessi peculiari delle singole realtà. Dall’altro lato – prosegue Tosi – è inammissibile che per qualsiasi manifestazione temporanea che comporta l’utilizzo per qualche ora di un qualsiasi sito della nostra città si debba fare una trafila burocratica assurda e inspiegabile. Un esempio su tutti: la pista di pattinaggio su ghiaccio, che lo scorso anno a Verona non si è potuta fare, a Parigi, nel periodo invernale, è posizionata a tutta larghezza per migliaia di metri quadrati davanti all’Hotel De Ville, complesso storico, antico e meraviglioso. Le cose sono due: o i francesi sono insensibili al proprio patrimonio artistico, cosa che non è, oppure in Italia si esagera con i vincoli inutili che fanno male all’economia, al turismo e ai cittadini e, nel caso specifico del Family Happening, alla solidarietà. Se la situazione non si sblocca per tutelare i legittimi interessi della città di Verona, come già avvenuto in altri casi, non resta che fare ricorso al Tar”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento