Cronaca

Banconote false in giro per la provincia, arrestati due fratelli

Spendevano biglietti da 100 euro fasulli, sono stati scoperti da un tabaccaio di Verona che ha controllato i soldi con il tester e subito fermati da due agenti di polizia presenti nel negozio

Dalla Sicilia a Verona pieni di banconote false: così due fratelli provenienti da Catania ma da tempo di casa a Legnago si "guadagnavano da vivere", scambiando pezzi di carta senza valore con denaro contante. Fortunatamente il traffico è stato interrotto quando sulla strada dei due malviventi è arrivata la polizia scaligera.

SMASCHERATI DAL TABACCAIO - Stando a quanto raccontano gli agenti della squadra mobile di Verona, che hanno arrestato la coppia di criminali, i due erano già riusciti a farsi cambiare tre banconote da 100 euro a Nogara e Sanguinetto, nella bassa veronese, e a Roverbella (Mantova); invece sono stati scoperti in una tabaccheria di Verona, dove hanno cercato di comprare un pacchetto di sigarette, ma il titolare ha passato la banconota nel tester, accorgendosi che era falsa. Proprio in quel momento nel negozio c'erano due uomini della mobile scaligera, che hanno effettuato un controllo nel furgone dei due siciliani, dove c'erano altre sei banconote false, sempre da 100 euro. E' scattato così l'arresto. Ieri nel processo per direttissima i due fratelli sono stati condannati rispettivamente ad un anno e sei mesi ed un anno di carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banconote false in giro per la provincia, arrestati due fratelli

VeronaSera è in caricamento