Verona, sicurezza e viabilità: "Drive in Italy" in tour con il pullman azzurro della polizia stradale

Scatta l’iniziativa dedicata ai cittadini stranieri. La sicurezza stradale veicolo di integrazione sociale. Verona tra le 9 città italiane di "tappa": in piazza Bra il 16 e 17 giugno. In palio 1000 corsi di guida sicura gratuiti

Il pullman azzurro della polizia stradale

Diffondere la cultura del rispetto delle regole della strada, imparare le norme di circolazione vigenti in Italia e conoscere le bellezze di alcune città italiane. Sono queste le principali caratteristiche del progetto “Drive in Italy” della Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale, che da gioevdì sarà promosso attraverso il "Pullman azzurro" della polizia stradale, in tour in 9 città italiane. Dopo la tappa a Brescia, "Drive in Italy" si sposterà a Verona, in piazza Brà, il 16 e 17 giugno per poi proseguire verso Padova, Reggio-Emilia, Pisa, Perugia, Salerno, Lecce e si concluderà il 4 luglio a Crotone. L'iniziativa è stata definita come "importante in tema di sicurezza e prossimità dedicata ai tanti cittadini stranieri residenti in Italia e muniti di una patente di guida valida per circolare nel nostro Paese".

Presentato ufficialmente nel mese di gennaio dal ministro per l’Integrazione, Cecile Kyenge, il progetto “Drive in Italy” si basa su una piattaforma e-learning. Per accedervi è necessario avere una patente di guida valida in Italia, collegarsi al sito internet e selezionare la lingua preferita: oltre all’italiano, sono disponibili l’inglese, il rumeno, l’albanese, il cinese e l’arabo. Una volta effettuata la registrazione ed entrati nella piattaforma, sarà possibile avviare un percorso formativo, realizzato con animazioni ambientate. Ai mille partecipanti più meritevoli che avranno superato positivamente il corso di guida online, saranno offerti gratuitamente 1000 corsi di guida sicura in cui è possibile apprendere le tecniche di guida utili ad affrontare situazioni di rischio sulla strada e vengono fornite le basi per migliorare le proprie capacità al volante.

"Da anni Ania collabora con la polizia stradale – spiega Umberto Guidoni, segretario generale della Fondazione – ottenendo importanti risultati nella lotta all’incidentalità stradale. Crediamo che sia ancora più importante per un progetto che è, prima di tutto, uno strumento di integrazione sociale, rivolto a quei cittadini stranieri che contribuiscono fattivamente alla crescita del nostro Paese. La mobilità costituisce un fattore fondamentale di sviluppo e di inserimento nella società. Affinché il processo di integrazione possa realizzarsi al meglio, è necessario favorire la conoscenza del codice della strada italiano e delle regole in esso contenute».

Il pullman azzurro sosterà in Piazza Brà lunedì 16, dalle ore 18 alle 24 e martedì 17, dalle 14 alle 20.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

  • Persona investita da un'auto, trasportata d'urgenza in ospedale: è grave

  • Investimento sui binari: circolazione dei treni sospesa sulla Verona-Bologna

Torna su
VeronaSera è in caricamento