Verona, scoppia maxi rissa all'autogrill tra ultras Hellas e del Brescia: un arresto e un ferito all'ospedale

Un vero e proprio putiferio è scoppiato sul percorso che separava i tifosi gialloblù dalla trasferta a Roma, per assistere al match con i giallorossi, e quello dei lombardi che stavano andando a Perugia

Una sosta in autogrill che si è trasformata in una maxi rissa tra ultras dell’Hellas Verona e quelli del Brescia. Un vero e proprio putiferio è scoppiato sul percorso che separava i tifosi gialloblù dalla trasferta a Roma, per assistere al match con i giallorossi, e quello dei lombardi che stavano andando a Perugia per la partita di Serie B. È andato in scena sabato scorso, nell’area di servizio “Chianti ovest”, lungo l’autostrada A1, nel territorio di Firenze. Per quell’episodio, finora, un solo giovane è stato arrestato dalla Digos della polizia lombarda. Si tratta di un 30enne bresciano, residente a Orzinuovi. Lui sarebbe uno dei responsabili della violenta lite in cui sarebbero rimasti coinvolti almeno un centinaio di ultras di entrambe le fazioni che da sempre sono rivali.

Un tifoso gialloblù è anche finito all’ospedale fiorentino "Santa Maria Annunziata" di Ponte a Niccheri. Da una prima ricostruzione della polizia, pare che i tifosi bresciani, arrivati a bordo di due pullman scortati, avrebbero aggredito i rivali utilizzando anche le aste per le bandiere. I sostenitori Hellas erano scesi dal pullman e si erano seduti a mangiare negli spazi dell’area di servizio. Dopo le prime scintille sono dovuti intervenire subito gli agenti che erano di scorta. Altri ne sono arrivati di supporto dalla polizia stradale e infine dai colleghi della Digos. Il copione sarebbe stato il medesimo di ogni tafferuglio: prima offese, provocazioni e slogan, poi altri insulti sempre più pesanti e infine la “carica” condita da pestaggi e grida.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’immediato le due tifoserie sono state divise da un cordone “cuscinetto” della polizia e fortuitamente dopo pochi minuti la rissa è stata sedata. Tutta la fase delle provocazioni e degli scontri sarebbe stata interamente filmata dalle telecamere della videosorveglianza dell’autogrill e quelle della polizia. Le immagini della scorta hanno consentito di individuare il tifoso mentre aggredisce i veronesi e minaccia i poliziotti armati di una cinghia. Scatterano numerosi accertamenti e, come prevedibile, una nuova ondata di Daspo (il provvedimento della polizia con cui vengono interdette partite e manifestazioni sportive a tifosi ritenuti colpevoli di atti violenti). L’unico arrestato è stato accusato di violenza, resistenza a pubblico ufficiale e rissa e attende la convalida del giudice. Il tifoso gialloblù all’ospedale non ha riportato gravi lesioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Il post Facebook del sindaco di Verona Sboarina sul virus e gli sbarchi dei migranti

  • Scuola, ecco il calendario per il Veneto: si parte il 14 settembre, si chiude il 5 giugno

  • Orologio da 40 mila euro rubato in gioielleria a Verona: padre e figlio in manette

  • Coronavirus: boom di contagiati in Veneto, fra cui pochi veronesi

  • Morto a 37 anni sulla A22, l'appello della moglie: «Cerco testimoni dell'incidente»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento