Cronaca Centro storico / Piazza Brà

Verona, scoppia la lite tra ubriachi in pieno centro, uno raccoglie un coltello. Bloccati dall'esercito

È servito l'intervento di una pattuglia militare, impegnata nell'operazione "Strade sicure" a Verona, per sedare un litigio tra due persone in piazza Bra. L'allarme scattato da alcuni passanti impauriti

Un intervento provvidenziale che ha scongiurato conseguenze potenzialmente drammatiche visto il numero dei partecipanti alla rissa. È servito l'intervento di una pattuglia dell’esercito italiano, impegnata nell’operazione “Strade sicure” a Verona, a sedare un litigio in pieno centro storico. È accaduto mercoledì sera, in piazza Bra, quando i militari, appartenenti al 17esimo reggimento artiglieria controaerei "Sforzesca" erano impegnati nel servizio di vigilanza a bordo di un’autoda ricognizione. Gli uomini in mimetica sono stati allertati, verso le 22, da alcuni passanti che avevano riferito di una rissa in corso tra sei individui, presumibilmente di nazionalità straniera, alcuni dei quali armati di coltello.

Data immediata comunicazione alla sala operativa della polizia di Stato, la pattuglia si è diretta sul posto, raggiunta poco dopo dai carabinieri, e ha quindi collaborato con i colleghi dell’Arma nel bloccare e a disarmare i soggetti coinvolti. Al termine degli accertamenti è emerso che il litigio era scoppiato tra due senzatetto 30enni, un marocchino e un rumeno che, ubriachi, si erano accapigliati per futili motivi. Nel corso della violenta discussione il romeno avrebbe sferrato un morso alla mano del nordafricano, provocandogli lesioni da medicare al Pronto soccorso. Inizialmente si temeva una brutta aggressione ma è stato poi accertato che uno dei due aveva semplicemente raccolto un coltello da portata, da un vicino ristorante, per minacciare l'altro.

Le altre persone presenti, trovate in prossimità dell'incidente, stavano invece cercando di dividere i due litiganti. Successivamente il giovane marocchino, 34enne, è stato comunque arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Fuori di sè per l'alcol, anche in ospedale ha cominciato a mulinare pugni e sferrare calci nelle sale di Borgo Trento colpendo un militare.

Il romeno, al momento dell'intervento dei carabinieri si era già allontanato.

L’operazione "Strade sicure", dall'agosto del 2008, vede impegnato l’esercito italiano per specifiche ed eccezionali esigenze di prevenzione della criminalità, in aree metropolitane o densamente popolate, attraverso attività di vigilanza a siti e obiettivi sensibili, nonché di perlustrazione e pattuglia, in concorso e congiuntamente alle Forze di polizia.?

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, scoppia la lite tra ubriachi in pieno centro, uno raccoglie un coltello. Bloccati dall'esercito

VeronaSera è in caricamento