Verona, sciopero dei Forconi: terzo giorno sulle barricate al casello A4 di Soave

Blocco della giornata all'ingresso dell'autostrada "Serenissima" dove da domenica sera è in corso un presidio di centinaia di manifestanti. Le proteste non si fermano e alla fiducia del governo si potrebbero spostare a Roma

Foto web protesta, forconi, sciopero

Il terzo giorno sulle barricate. Lo chiamano "sciopero dei Forconi" ma in realtà il coordinamento "9 dicembre" è più ampio e raggruppa i liberi imprenditori feredalisti di Life, agricoltori di Azione Rurale, artigiani, disoccupati e da ieri anche gli studenti delle scuole superiori di Verona e provincia. Restano quindi i presidi per il cosiddetto "sciopero" ma il traffico automobilistico, in Veneto, al momento è regolare: ad affermarlo è una nota della polizia stradale dalla centrale operativa di Padova. A Soave, tuttavia, si sono registrati rallentamenti dovuti ai raggruppamenti dei manifestanti. La chiamata a raccolta di mercoledì mattina, dalle 8 in poi, ha radunato 600 persone . A metà mattinata la società Autostrade ha avvisato che è stato chiuso in uscita il casello di Soave-San Bonifacio e che rallentamenti al traffico erano in corso a Vicenza Ovest. Verso mezzogiorno il corteo di 600 persone, tra i quali molti studenti delle scuole superiori veronesi, si è diretto verso il centro di San Bonifacio per sensibilizzare i residenti partendo dal mercato cittadino. I manifestanti si sono fermati davanti al Duomo e in piazza della Costituzione ma non sono stati registrati profondi disagi se non qualche rallentamento e code di pochi minuti. Fino al primo pomeriggio il corteo è rimasto "in moto" e alcuni problemi si sono verificati per gli automobilisti sulla Regionale 11 (chiusa fino al tratto con Belfiore) e nei collegamenti per Soave. Il traffico per alcuni minuti è rimasto paralizzato allo svincolo di ingresso alla città e poco dopo è avvenuto il sit-in di protesta nella zona industriale del paese, a pochi passi dall'Agenzia delle Entrate.

NEL VENETO - Le zone maggiormente interessate della manifestazione, che in regione non ha fatto registrare alcun accenno di violenza tranne qualche giovane esagitato in centro città, a Verona, martedì, sono, appunto, quelle dei caselli autostradali della A4 di Soave-San Bonifacio, Montecchio Maggiore (Vicenza) e Vicenza Ovest. Anche allo svincolo che porta alla zona industriale di Padova si è registrato in mattinata qualche rallentamento dovuto anche all'alta densità del traffico quotidiano.

La protesta da Verona e da tutto il Nordest, tuttavia, potrebbe essere destinata muovere i passi verso la Capitale. "Andremo avanti ad oltranza, finché non se ne andranno a casa. Se mercoledì il presidente del Consiglio, Enrico Letta, capo di un governo illegittimo, messo lì dal presidente della Repubblica, ottiene la fiducia, sposteremo la manifestazione verso Roma - spiega Lucio Chiavegato, presidente del Life - Liberi imprenditori federalisti europei, tra i leader della protesta di queste ore, intervenuto alla trasmissione 'Effetto Giorno", su Radio 24 -. Non mercoledì perché c'è un'altra manifestazione che non è la nostra".

Posizione rilanciata dal leader nazionale del movimento dei "Forconi", Danilo Calvani. "Se sarà votata la fiducia al governo e i politici non resteranno a casa, ci organizzeremo in questi giorni per indire la prossima settimana una manifestazione a Roma che porti milioni di persone. Sarà un assedio pacifico e concorderemo il percorso con le forze dell'ordine, ma siamo disposti a restare fin quando i politici non andranno via".

SITUAZIONE OFV - Ma nel Veronese non ci sono solo i "Forconi" ad agitare la viabilità. Mercoledì i lavoratori delle Officine Ferroviarie Veronesi hanno manifestato bloccando il traffico con alcuni attraversamenti a singhiozzo del lungadige nei pressi della sede dell'azienda. A rischio ci sono 204 posti di lavoro. Sindacati e operai sollecitano un intervento delle istituzioni per chiedere l'immediato pagamento dei crediti nei confronti dei committenti Trenitalia e Ansaldo. "Questo - ha spiegato Massimiliano Nobis, segretario della Fim-Cisl - permetterebbe di far ripartire l'attività. In caso contrario la relazione che verrà consegnata dal Commissario del Governo al Giudice non potrà contenere elementi sufficienti a giustificare il prosieguo dell'attività di Ofv". Per questo i rappresentanti sindacali hanno fatto nuovamente appello al sindaco Flavio Tosi di farsi carico delle promesse fatte insieme al ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato. Per giovedì è in programma un altro presidio con blocchi al traffico.

C'E' LA PROTESTA DEI "FORCONI", BLOCCATO IL CASELLO A4 A SOAVE-SAN BONIFACIO

IL SECONDO BLOCCO DELLA GIORNATA AL CASELLO DI SOAVE


SCIOPERO DEI "FORCONI", LE RAGIONI DI UNA PROTESTA

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

Torna su
VeronaSera è in caricamento