menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, scambia disinfettante con l'acido solforico e crea una "nube tossica": cinque all'ospedale

Errore dell'addetto alla manutenzione della piscina in un noto hotel di Lazise. Intervengono vigili del fuoco per riparare al danno ma vengono "colpiti" dai gas pure loro. Carabinieri e Spisal sul posto

Un errore nel prodotto da usare per la piscina e la nube tossica che "colpisce" alcuni presenti nell'hotel. E' successo in un noto albergo a quattro stelle di Lazise, verso le 12 di venerdì. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri e dello Spisal di Verona, un addetto alla manutenzione delle vasche avrebbe inavvertitamente scambiato il flacone contenente ipoclorito di sodio (la sostanza utilizzata come disinfettante nella maggior parte delle piscine) con quello di acido solforico.

A contatto con l'acqua si sarebbero sprigionate così esalazioni chimiche tossich di cui sono rimaste vittime un cameriere, dipendente della struttura, e un giovane turista. Sul posto sono giunti, a seguito dell'allarme, i carabinieri della stazione di Lazise, i tecnici dell'Ulss specializzati in infortuni e una squadra dei vigili del fuoco. Quest'ultimi, nel l'entrare in azione, sono stati a loro volta colpiti dalla "nuba tossica" e anche per loro, come per le due precedenti vittime, si è reso necessario il passaggio all'ospedale di Bussolengo per intossicazione da gas. Sono stati dimessi dopo gli accertamenti e le cure.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento