Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Negrar / Via Don A. Sempreboni

Il "Sacro Cuore" verso il riconoscimento I.R.C.C.S.: l'ultima parola spetta al Ministero della Salute

L'ospedale di Negrar ha superato l'iter regionale per la qualifica di Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per Malattie Tropicali e Medicina delle Migrazioni e ora attende l'ultimo responso ministeriale

Ulteriore passo in avanti verso il riconoscimento della qualifica di I.R.C.C.S. (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) per l’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar.
Martedì 31 marzo la Giunta regionale ha recepito il parere favorevole della quinta Commissione Sanità, espresso lo scorso 10 febbraio, di modificare la scheda di dotazione ospedaliera del presidio ospedaliero veronese in vista del riconoscimento di I.R.C.C.S. per Malattie Tropicali e Medicina delle Migrazioni. Riconoscimento che spetta in ultima istanza al ministero della Salute a cui la Regione inoltrerà domanda evidenziando, come si legge nella delibera di Giunta, la coerenza del riconoscimento con la programmazione sanitaria veneta. L'ospedale veronese potrebbe diventare il terzo Ircss del Veneto dopo lo Iov di Padova e il San Camillo del Lido di Venezia L’iter richiede da sette mesi a un anno e prevede, oltre all’esame della documentazione, anche una visita accurata degli ispettori del Ministero all’ospedale. La qualifica di I.R.C.C.S. potrà garantire al nosocomio dell’Opera Don Calabria (il quinto nel Veneto per il numero di ricoveri, 27.985 nel 2014 con un’attrazione extraregionale del 24,6%) di accedere ai fondi specifici per la ricerca e la cura previsti dallo Stato e dall’Unione Europea.

Il Centro per le Malattie Tropicali, con il Servizio autonomo di Epidemiologia e il Laboratorio per le Malattie Tropicali, è attivo dal 1989; sotto l’attuale direzione del dottor Zeno Bisoffi è diventato Centro di riferimento regionale per le Malattie tropicali e dal 2014 collabora con l’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Comprende oltre alla degenza per malattie tropicali e infettive, un Ambulatorio clinico per i pazienti che hanno soggiornato in Paesi tropicali e per altri casi di sospette malattie infettive-parassitarie; un Ambulatorio per le vaccinazioni internazionali e le consulenze pre-viaggio; un Laboratorio di Parassitologia, uno di Biologia Molecolare e un Laboratorio didattico. Ha un indice di attrazione extraregionale del 51,5%.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "Sacro Cuore" verso il riconoscimento I.R.C.C.S.: l'ultima parola spetta al Ministero della Salute

VeronaSera è in caricamento