Cronaca Salizzole / Via Capitello

Provano a rubare il rame di un magazzino ma i vicini chiamano i carabinieri

Massimo C. e Davide F., entrambi di 42 anni, sono stati arrestati a Salizzole con l'accusa di furto aggravato per aver cercato di sottrarre 25mila euro del metallo

Massimo C. e Davide F., di 42 anni, sono stati arrestati dai Carabinieri a Salizzole con l'accusa di furto aggravato. Ieri mattina entrambi sono finiti davanti al giudice Luciano Gorra e al pm d'udienza Giorgia Bonini ma solo il secondo ha definito la propria posizione al termine della convalida, patteggiando 5 mesi 10 giorni e 200 euro di multa con il beneficio della pena sospesa. Massimo C. invece, a causa di alcuni precedenti, affronterà il dibattimento: per ora è stato liberato in attesa del processo del 5 dicembre, ma è stato sottoposto all'obbligo di firma. 

Sfruttando le ore notturne, i due si sono introdotti all'interno di un capannone che credevano abbandonato utilizzando una scala. A questo punto hanno iniziato ad accatastare cavi di rame con l'idea di portarlo via. Alcuni residenti della zona però hanno notato gli strani movimenti ed hanno lanciato l'allarme ai militari. Al loro arrivo al magazzino, di proprietà dell'azienda Carlini, Massimo e Davide avevano già preparato il materiale per il trasporto, per un valore complessivo di circa 25mila euro. A questo punto per loro è scattato l'arresto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provano a rubare il rame di un magazzino ma i vicini chiamano i carabinieri

VeronaSera è in caricamento