Cronaca Quinzano / Via XI Febbraio

Verona, ruba i messali in chiesa e minaccia di gettarli addosso alla donna che l'aveva sorpreso

La fedele che aveva assistito al furto, intimorita, ha allertato il parroco che poi ha chiamato il 112. Il rumeno di 41 anni è in carcere e sarà sottoposto a visita psichiatrica: non ha spiegato il motivo del suo gesto

La chiesa "Decollazione di San Giovanni Battista" a Verona

Evidentemente la stagione primaverile risveglia gli animi "impetuosi". Dopo gli atti di vandalismo a Isola della Scala e a Golosine, i carabinieri sono entrati di nuovo in azione per atti vandalici contro il patrimonio architettonico veronese. In questo caso la vicenda ha coinvolto i militari di Parona in Valpolicella, per l'arresto di un rumeno di 41 anni, risultato senza fissa dimora, per aver dapprima rubato e poi strappato due messali nella chiesa “Decollazione di San Giovanni Battista”, a Verona. L’uomo, che era stato visto da una fedele mentre compiva il furto, alla richiesta di lasciare i messali (grossi e talvolta molto preziosi libri contenenti la raccolta di liturgie, canti e rubriche per la celebrazione della messa) li ha sollevati quasi come se volesse colpirla. Uscito sul sagrato ha strappato i due libri liturgici.

La donna che aveva assistito al furto, intimorita, ha allertato così il parroco della chiesa della frazione di Quinzano che ha immediatamente chiamato il comandante locale dei carabinieri. All’arrivo della pattuglia, l’uomo non ha opposto tuttavia alcuna resistenza. Dopo aver trascorso due notti nelle celle di sicurezza della caserma di via Salvo d’Acquisto, il 41enne è stato accompagnato in tribunale per la convalida dell'arresto. Il rumeno non ha spiegato il motivo del suo gesto né ai carabinieri né tantomeno al giudice, essendosi avvalso della facoltà di non rispondere. In carcere sarà sottoposto a visita psichiatrica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, ruba i messali in chiesa e minaccia di gettarli addosso alla donna che l'aveva sorpreso

VeronaSera è in caricamento