Verona, ruba il computer che serve alla Radiologia in ospedale: glielo ritrovano sotto al letto

Denuncia dall'Orlandi di Bussolengo: i sospetti convergono su una "vecchia conoscenza" delle Forze dell'ordine e che era stato visto aggirarsi con fare sospetto nel reparto. In carcere il 30enne

Il computer trafugato dal 30enne all'Orlandi di Bussloengo

Diversamente da quanto capitato in precedenza ma in ambienti "simili". Nel pomeriggio di sabato i carabinieri della Stazione di Bussolengo hanno ricevuto segnalazione dalla dirigenza dell'ospedale “Orlandi” dell’avvenuto furto di un personal computer, asportato dal reparto di radiologia dove veniva utilizzato per la gestione dell’attività diagnostica. Giunti sul posto con una pattuglia, i militari comandati dal maresciallo Roberto Varriale hanno raccolto una serie di indizi che hanno ricondotto ad un soggetto che si aggirava nel reparto con atteggiamento sospetto. Riconoscibile dall’aria trasandata, con barba e capelli lunghi, era persona già nota ai carabinieri veronesi che poco dopo hanno bussato alla sua porta, poco distante dall'ospedale, per un controllo. In un primo momento si sarebbe giustificato dicendo che era in visita ad un amico ricoverato.

Sotto il letto del 30enne è stato poi ritrovato il computer, prontamente restituito all’ospedale. Il ricettatore è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, successivamente convalidato, e rinchiuso nel carcere di Montorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento