Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Borgo Trento / Viale della Repubblica

Verona, a fuoco recinzione in viale della Repubblica: i residenti si sentono abbandonati

Nella notte tra il 21 e il 22 ottobre, è andata in fiamme la recinzione di un cantiere a Borgo Trento. Potrebbe trattarsi di una bravata, ma chi abita e lavora in via Repubblica è stufo del degrado della zona

In viale della Repubblica a Verona ormai oltre due anni fa è stato aperto un cantiere su un lato del muro di cinta della Chiesa di San Francesco d'Assisi. Accanto alla recinzione del cantiere del futuro parcheggio, c'è un passaggio pedonale, ma la strada è ancora chiusa al traffico. Nella notte tra il 21 e il 22 ottobre, qualcuno ha appiccato le fiamme alla recinzione di plastica arancione che delimita l'area pedonale. Potrebbe trattarsi di una bravata, ma i residenti e i commercianti della zona sono stufi di questa sezione. La via di Borgo Trento sarebbe ormai vittima del degrado e chi la vive si sentirebbe abbandonato.

Su L'Arena, parla il titolare di un negozo di fotografia della zona: "Non dimentichiamo gli anni trascorsi accanto ad un cantiere fantasma. E? una situazione insostenibile, gia? causa di molti problemi anche economici per le attivita? del quartiere. Ora il degrado, l’abbandono e la sporcizia sono ancora piu? visibili. Che dire? Sicuramente siamo stanchi e sfiduciati. Ci sentiamo abbandonati e per questo siamo amareggiati. Anche molto arrabbiati per questa vergogna che si protrae da troppo tempo. Non si dovrebbe permettere che cose del genere possano accadere e se capitano si dovrebbe, quanto meno, cercare di sistemarle. Siamo innanzi ad uno sfregio che suona come un insulto a noi cittadini, alla stessa citta? e a chi viene in visita a Verona. Non resta che chiedersi quanto restera? ancora cosi? com’e? oggi. Con il timore che la situazione possa peggiorare di giorno in giorno. C’e? qualcuno che dopo tutto questo tempo si puo? impegnare a trovare una soluzione?".

A sostegno dei cittadini, il presidente della circoscrizione, Filippo Grigolini, che su L'Arena dichiara: "Non e? piu? tollerabile un simile degrado. Passi il cantiere chiuso, passi anche la riapertura parziale della strada. Ma ora, in una zona con centinaia di residenti ed altrettanti passaggi pedonali si aggiunge la sporcizia, il degrado e una crescita incontrollata di erbacce con relative presenze sgradite di topi. A questo si aggiunge l’incendio della rete protettiva che mostra tutta la tristezza e la gravita? di uno psicodramma aziendale. Non e? accettabile che una ditta latiti in questo modo facendosi forte di un diritto sul sottosuolo che sta inesorabilmente scadendo e che, sotto gli occhi di tutti, non sara? mai fruito per l’evidente non economicita? dell’opera. A maggior ragione a fronte di una struttura adiacente, piu? capiente e decisamente piu? economica, oggi in costruzione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, a fuoco recinzione in viale della Repubblica: i residenti si sentono abbandonati

VeronaSera è in caricamento