Cronaca Brenzone / Viale Roma

Verona, risveglio traumatico per Brenzone: in Comune arriva una multa da 883mila euro

La contestazione riguarda un'operazione immobiliare del 2009, con la precedente amministrazione. Il sindaco Bertoncelli ha annunciato ricorso per limitare i danni. La notifica è dello scorso anno ma solo ora spunta la documentazione

La direzione provinciale dell'Agenzia delle entrate di Verona multa il Comune di Brenzone per 883.737 euro. La notizia cade come un fulmine a ciel sereno sulla località lacustre. Il Comune si sarebbe reso responsabile della mancata fatturazione (e, dunque, di aver omesso il pagamento dell'Iva) relativa alla permuta del terreno edificabile nella località Cave di Pietra (con la proprietà del 60 per cento degli immobili dell'Antico Borgo di Campo). Tommaso Bertoncelli, sindaco di Brenzone, ha spiegato che a metà aprile 2009 l'amministrazione guidata dal sindaco Giacomo Simonelli aveva ceduto un terreno edificabile di 5mila 499 metri quadri, di cui 2700 edificabili, alla società "Antico Borgo di Campo", ottenendo, tramite permuta, la proprietà del 60% della località Campo. Il valore totale dell'operazione ammontava a 3 milioni e 200 mila euro, e l'Iva da pagare era di 320mila euro.

Il Comune, dunque, si trova ora a dover versare i soldi per non aver annotato nel registro degli acquisti la fattura emessa dalla società Antico Borgo di Campo e per non aver regolarizzato la pratica. Gli errori della precedente amministrazione si ripercuotono su quella attuale e alla fine dovranno pagare i cittadini. Certo, come ha aggiunto il consigliere delegato ai tributi del Comune, Simone Consolini, verrà avanzato ricorso entro il 20 febbraio. Alcuni fatti verranno chiariti solo in sede di accertamenti.

Vanno comunque rilevate alcune stranezze. Come, ad esempio, il fatto che la documentazione sia stata presentata solo da pochi giorni, mentre la notifica della sanzione risale a una manciata di giorni prima della data di prescrizione (che sarebbe scattata da dopo il 31 dicembre). Inoltre, ancora sotto la guida del vecchio sindaco “è stata ceduta gratuitamente la proprietà di Campo alla "Fondazione Campo", presieduta dallo stesso Simonelli. Anche in questo caso non è stata pagata l'Iva.

E anche se la responsabilità è tutta degli amministratori di allora, a pagare il conto salato di quegli errori saranno la nuova gestione comunale e, come sempre, i cittadini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, risveglio traumatico per Brenzone: in Comune arriva una multa da 883mila euro

VeronaSera è in caricamento