Cronaca Borgo Trento / Via IV Novembre

Verona, a rischio incolumità di pedoni, ciclisti e autisti: scatta piano sicurezza con dossi e "Velo ok"

In Seconda circoscrizione si pensa a rendere Borgo Trento, Avesa, Quinzano e Ponte Crencano a prova d'incidente. Molte le vie interessate. Partirà la campagna informativa e verranno abbassati i limiti dei 50 orari

Quinzano, Avesa, Ponte Crencano, Borgo Trento. Sono queste le zone dove, a breve si suppone, saranno installati dissuasori stradali. Dossi, principalmente, ma anche “Velo Ok” (contenitori cilindrici a cabina, di colore arancione, in grado di ospitare un rilevatore di velocità) come si starebbe studiando in Seconda circoscrizione. Le strade interessate sarebbero via Fabbricato scolastico, via IV Novembre (già da tempo valutata come “critica”) e via Santini. Oltre all’opuscolo informativo e “sensibilizzatore” per la sicurezza di motorizzati, pedoni e ciclisti, saranno ritoccati anche i limiti di velocità. Nella prima strada interessata, Fabbricato scolastico, verrà abbassato il livello ai 40 orari, mentre nelle restanti sarà fissato ai 30 chilometri orari.

Dossi, in discussione del Consiglio di circoscrizione, invece in via Cismon. Qui sono stati i cittadini a portare all’attenzione dell’amministrazione la necessità di un dissuasore, tramite una raccolta firme. Modifiche con placche su strada anche in via Cerpelloni, strada del Casalino e via Torrente vecchio. Altre proposte, arrivate nel parlamentino della Seconda, riguardano gli “occhi di gatto” (catarifrangenti) in prossimità delle piste ciclabili della zona, e dossi in prossimità di Ponte Crencano, tra via Prati e via Poerio. Come spiega L’Arena,

Il presidente della circoscrizione, Filippo Grigolini, anticipa alcuni provvedimenti sull'incrocio di Ponte Crencano: «È previsto il disegno delle bande bianche ai lati di via Poerio per impedire il parcheggio delle auto con un divieto assoluto. Oggi, di fatto, non sono rispettati i cinque metri previsti dal codice della strada e questo impedisce fortemente la visibilità nell'incrocio. Inoltre, sarà istituito lo stop dove oggi c'è il solo rispetto della precedenza». Il presidente Grigolini riprende il tema della pedonalizzazione di via Prati, dicendo che «il progetto non è abbandonato e che è ancora aperto il confronto con i residenti». Sulla posa di un dosso, invece, è contrario, «perché è un tratto di strada dove spesso chi viaggia in motorino tende ad accelerare».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, a rischio incolumità di pedoni, ciclisti e autisti: scatta piano sicurezza con dossi e "Velo ok"

VeronaSera è in caricamento