Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Veronetta / Via Venti Settembre

Verona, riecco la truffa dell'anello d'oro: anziano avvicinato dal furfante che pretende una ricompensa

Nuovo invito ai cittadini nel prestare la massima attenzione per la presenza dei furfanti “del gioiello ritrovato". Protagonista un 69enne a Veronetta. Le perplessità dell'uomo e la presenza di testimoni l'hanno costretto alla fuga

Nuovo invito ai cittadini nel prestare la massima attenzione per la presenza dei truffatori “dell’anello d’oro ritrovato”. Nei giorni scorsi in zona Veronetta un 69enne veronese è stato infatti avvicinato da un giovane con un gioiello in mano che, sostenendo di averlo appena raccolto, fingeva di restituirlo all’uomo, che in realtà non aveva perso alcun anello, chiedendogli in cambio una ricompensa. Davanti alla perplessità dell’uomo e al sopraggiungere, nel frattempo, di altri due passanti, il giovane aveva desistito dal tentativo di truffa, allontanandosi velocemente e lasciando il finto monile nelle mani del veronese.

Il 69enne recatosi alla vicina delegazione della Municipale, ha poi sporto denuncia per tentata truffa e consegnato agli agenti l’anello, successivamente sequestrato. Una perizia ha confermato che il monile, pur riportando i marchi ufficiali "18 carati" e "750" che identificano i gioielli in oro, non aveva nulla di prezioso. Non è la prima volta che in città si verificano truffe di questo tipo. Negli anni scorsi Municipale riuscì anche ad individuare i responsabili e a denunciarli per i reati di tentata truffa e possesso di articoli dai marchi contraffatti, trovando nelle tasche dei truffatori una decina di anelli fasulli. Per questo dal Comando dei vigili di Verona arriva il consiglio, rivolto a tutti i cittadini, di diffidare delle offerte da parte di persone sconosciute e di non farsi coinvolgere per la strada in improbabili “affari”.  

CONTRO LA PROSTITUZIONE - La polizia municipale ha effettuato inoltre, nella tarda serata di mercoledì, un servizio per la prevenzione della prostituzione su strada, con controlli particolari nella zona di corso Milano e della strada regionale 11. Quattro le violazioni accertate dagli agenti ai divieti specifici contenuti nel regolamento di polizia urbana: una a carico di un cliente e tre a carico di giovani prostitute straniere, poi accompagnate al Comando per le verifiche del caso e, successivamente, rimesse in libertà.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, riecco la truffa dell'anello d'oro: anziano avvicinato dal furfante che pretende una ricompensa

VeronaSera è in caricamento