rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Verona reattiva si scaglia contro Ca' del Bue

La condanna europea alla gestione dei rifiuti riaccende la polemica

L’Europa bacchetta l’Italia per la gestione dell’emergenza rifiuti. E il Coordinamento per il riciclo dei rifiuti contro l’inceneritore dice: “Noi l’avevamo detto”.

“La condanna dell’Europa serva da monito agli amministratori veronesi su quanto può accadere anche in città se non si seguono in modo corretto le direttive europee, pertanto diciamo loro di desistere dal progetto folle di messa in opera del nuovo inceneritore di Ca’del Bue –ha detto Daniele Nottegar di Verona Reattiva- Chiediamo ancora una volta a Palazzo Barbieri in quanto organo di controllo eletto dai cittadini di chiarire quale sarà il reale modello di funzionamento dell’ impianto perché questo avrà notevoli ripercussioni sui cittadini e sul bando di gara stesso”.

E intatnto il Coordinamento non resta con le mani in mano e un ciclo di nuove iniziative si è avviato per informare la gente chiamando a Verona medici scienziati e tecnici accreditati per informare correttamente la gente sui rischi ambientali e sui danni alla salute legati alla pratica dell’incenerimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona reattiva si scaglia contro Ca' del Bue

VeronaSera è in caricamento