menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, rapina una coppia in casa e fugge dalla finestra precipitando

Arresto movimentato per la polizia, sabato scorso, in un'abitazione di via Carso. Uno dei due ladri ha deciso di scappare ma cadendo a terra si è fratturato braccia e piede. Complice in fuga con parte del bottino

Avevano progettato il colpo in una casa di via Carso ma non avevano calcolato i tempi di rientro dei proprietari e sono stati costretti ad una fuga che si è conclusa nel peggiore dei modi per uno di loro. Uno dei due banditi, di origini albanesi, ha scelto infatti di buttarsi dalla finestra, precipitando sullo scivolo del garage e finendo con braccia e caviglia fratturate. Il suo arresto è finito quindi al reparto Ortopedia dell'ospedale dove è stato ricoverato. La pattuglia delle Volanti lo ha trovato dolorante dopo che era stato bloccato dalle vittime del furto.

L'allarme è scattato sabato scorso, dopo che marito e moglie, rientrati a casa, hanno sorpreso i due ladri mentre stavano compiendo razzìe nella propria abitazione. Erano entrati scassinando una porta finestra e sono riusciti ad agguantare 3600 euro, tra contanti e gioielli, prima di essere scoperti. In fretta e furia hanno così deciso di darsi alla fuga attraverso la finestra: per uno di loro la caduta è stata a dir poco traumatica. Si tratta di Roland Gionji, 26enne senza fissa dimora, che dopo le cure ortopediche finirà in carcere. Le accuse sono pesanti. Si parla di furto e rapina: durante l'inseguimento il proprietario è stato strattonato e spinto a terra. Ad avere la peggio, come riportano i quotidiani locali, è stato comunque il ladro, che dopo la caduta ha riportato fratture multiple alle braccia e al malleolo del piede e contusioni sul corpo. La convalida dell'arresto è avvenuta proprio all'ospedale di Borgo Trento dopo il fermo dei poliziotti delle Volanti intervenuti sul posto. Il giudice per le indagini preliminari, Giuliana Franciosi, sta coordinando le operazioni per risalire all'identità del complice, di cui il 26enne ha preferito non parlare, al momento. Soltanto una parte del bottino è stata recuperata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento