Cronaca Arcole / Via Motte Rossini

Verona, rapina in casa signora di 82 anni. Si impietosisce e le lascia i soldi

Ladro in fuga con pochi monili trafugati dai cassetti. La signora ha affrontato il rapinatore alle due di notte e non gli ha concesso di prendersi i gioielli di famiglia a cui era più legata

Un furto che si è trasformato in rapina in casa, in piena notte e un tremendo spavento per la povera signora di 82 anni. E' accaduto a Gazzolo di Arcole, alle due di notte, tra giovedì e venerdì. Il malvivente è riuscito a fuggire con qualche gioiello dopo aver affrontato l'anziana padrona di casa. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, intervenuti sul posto per le indagini e la testimonianza, il ladro sarebbe entrato da una finestra lasciata aperta della villetta di via Motte Rossini.

Una volta all'interno si è praticamente trovato davanti la signora del '31 che è rimasta pietrificata alla vista del rapinatore a viso scoperto. Dopo averle intimato di tacere, il ladro ha frugato nei cassetti della casa, racimolando un anello, quattro collanine e un bracciale in oro. La resistenza della donna, nel trattenere a sé i ricordi di famiglia, è servita ad impedire che il malvivente la derubasse anche della collanina d'oro e della fede nuziale che indossava in quel momento. Anche il portafogli dell'anziana è rimasto al suo posto: il rapinatore, dopo aver notato che conteneva "solo" trenta euro ha deciso di abbandonare il furto. Subito dopo la sua fuga, attraverso la finestra e poi scavalcando la recinzione dell'abitazione. E' stato a quel punto che un vicino ha notato il ladro e ha chiamato i carabinieri. Giunti sul posto con una pattuglia, hanno compiuto i rilievi d'ordinanza e raccolto l'identikit del ladro. Per la signora solo il danno dei pochi monili raccolti e un grosso spavento. L'uomo non era armato e non avrebbe usato violenza sulla malcapitata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, rapina in casa signora di 82 anni. Si impietosisce e le lascia i soldi

VeronaSera è in caricamento