menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ragazza imprigionata in casa dal fumo dell'incendio viene salvata dai vigili del fuoco

Le fiamme si sarebbero propagate dal corto circuito di una delle prese della cantina, dove era stata allestita una piccola sala giochi con tanto di televisore e console per i videogames, e il fumo ha poi invaso le abitazioni dei residenti

Quello di ieri mattina deve essere stato un risveglio scioccante per alcuni residenti della palazzina di via Brigata Casale 8 a San Massimo, che quando hanno aperto gli occhi hanno trovato le rispettive abitazioni piene di fumo. 

L'allarme è stato lanciato alle 4.45 da uno degli abitanti, che non appena si è reso conto della situazione, ha avvisato il 118. Una volta arrivati sul posto, i vigili del fuoco hanno subito compreso che l'incendio era partito dallo scantinato: li era stata allestita una piccola sala giochi provvista di televisione e console per i videogames. Le fiamme infatti avrebbero preso origine da un corto circuito causato da una delle prese. I pompieri però sono riusciti a spegnere l'incendio abbastanza agevolmente, salvo poi trattenersi ulteriormente per mettere in sicurezza l'area e scongiurare l'ipotesi che le fiamme potessero nuovamente propagarsi tra le masserizie presenti. 

L'intervento dei pompieri si è reso necessario anche per portare fuori dalla propria casa una ragazza, bloccata nella sua stanza dal fumo che l'aveva invasa. Tutti i residenti però alla fine sono potuti tornare alle proprie case.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento