Verona, Raffaele Sollecito si laurea in Informatica all'università: la tesi riguarda anche il suo caso

Il giovane condannato per l'omicidio di Meredith Kercher a Perugia è stato proclamato dottore in Ingegneria del software dalla commissione dell'Ateneo scaligero. Avrebbe analizzato i flussi web di "innocentisti" e "colpevolisti"

Raffaele Sollecito

Una tesi di laurea sui social network che lo coinvolge direttamente. È così che Raffele Sollecito, il giovane condannato per l'omicidio di Meredith Kercher a Perugia, è stato proclamato dottore in Ingegneria del software dalla commissione dell'università di Verona. Sollecito ha discusso una tesi che riguarda l'analisi dei social network e tra cui, come "case history" avrebbe inserito i flussi web divisi tra "innocentisti" e "colpevolisti" sul suo caso, che tra l'altro lo vede coinvolto assieme alla statunitense Amanda Knox. Il giovane di origini pugliesi ha presentato una tesi in inglese che poi ha comunque discusso in italiano davanti ai professori della commissione di Ateneo. Al suo fianco, poco distante, tutti i suoi famigliari, i consulenti informatici che lo hanno assistito fin qui, e uno dei suoi avvocati difensori. Sollecito si era iscritto alla specialistica di Verona dopo essersi laureato nel 2008 nel carcere di Perugia, dove si trovava detenuto.

Il 30enne di Bisceglie, condannato insieme alla Knox in primo grado (entrambi si sono sempre dichiarati estranei al delitto), è tornato libero dopo essere stato assolto in appello. La sentenza era stata però ribaltata dalla Corte di Cassazione che aveva disposto un nuovo processo a Firenze, al termine del quale i due ex fidanzati erano stati nuovamente condannati. La sentenza era stata così impugnata dagli avvocati e si attende, nei prossimi mesi, la decsione della Suprema Corte.

Per l'omicidio di Meredith, in via della Pergola nel capoluogo umbro, era stato già condannato in via definitiva l'ivoriano Rudy Guede. Ora sta scontando 16 anni di reclusione. Anche lui ha sempre negato di avere ucciso la Kercher.



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

  • Variante inglese, Crisanti: «Se c'è, allora strade d'accesso al Veneto bloccate e lockdown»

Torna su
VeronaSera è in caricamento