menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si innervosiscono e vengono scoperti: arrestati due giovani pusher dalla polizia

Gli agenti hanno notato lo strano atteggiamento dei due ragazzi, che in sella ad uno scooter continuavano a seguire le mosse della pattuglia. Non appena fuori dalla loro vista allora, le forze dell'ordine hanno invertito la marcia e dato il via al controllo

A tradirli è stato proprio il loro comportamento ingiustificatamente timoroso. Si tratta di due giovani veronesi, P. G. e B. S., rispettivamente di 18 e 23 anni.

Nella giornata di ieri, intorno alle ore 14.25, transitavano in Corso Milano a bordo di uno scooter Piaggio Liberty di colore blu, quando sono stati incrociati da una Volante che svolgeva il normale servizio di controllo del territorio. L’attenzione degli Agenti è stata attirata dal continuo girarsi dei due giovani che cercavano di vedere se fossero o meno inseguiti, svoltando poi in Via Fava. Così i poliziotti, fingendo di proseguire diritto, non appena lontani dagli sguardi dei due, hanno invertito la marcia e, poco dopo, proprio in Via Fava hanno individuato il motorino sospetto.

La grande agitazione dei due giovani durante la procedura di identificazione ha poi indotto gli Agenti a passare ad un controllo più approfondito, richiedendo di mostrare il contenuto delle tasche. Nonostante il più giovane dichiarasse di non avere con sé niente oltre telefono e portafoglio, risultava visibilissimo un rigonfiamento all’altezza della cintura e per tale motivo si procedeva alla perquisizione personale, che ha permesso di rinvenire, all’interno del giubbotto, un grosso involucro rivestito di cellophane contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana, del peso complessivo di 104,5 grammi, come è risultato dal successivo narco test. All’interno del motorino venivano poi rinvenuti anche un Cillum ed un Grinder, ossia la pipa per fumare marijuana ed il macinino usato per macinarne le foglie.

Una volta in Questura, il ragazzo più giovane dichiarava che il pacco con la sostanza stupefacente gli era stato affidato dall’amico più anziano, in quanto egli aveva precedenti penali. Alla luce di quanto accertato, gli Agenti procedevano a trarre in arresto i due giovani per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio in concorso. Di questa mattina la notizia della convalida della misura precautelare e scarcerazione con obbligo di firma per i due giovani, in attesa del giudizio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento