Cronaca Bovolone / Via San Pierino

Punta la pistola sulla testa della cassiera: "Dammi i soldi". Poi fugge con un bottino di 700 euro

Mancava poco all'orario di chiusura, quando un uomo armato si è avvicinato all'unica cassa rimasta aperta e si è fatto consegnare dalla dipendente il denaro, minacciandola

Si è vista puntare una pistola contro durante l'orario di lavoro, terrorizzata ha consegnato l'incasso al malvivente temendo di non riuscire più a tornare a casa dalla sua famiglia. Sul lavoro però ci è tornata 12 ore dopo, nonostante il forte trauma vissuto la sera precedente. La cassiera del Famila di Bovolone, solo venerdì sera è stata minacciata da un rapinatore e il suo sabato quindi era ancora lontano dal potersi definire un giorno normale. 
Mancava poco alle 20 di venerdì, il supermercato di via San Pierino era pressoché vuoto visto che si avvicinava l'ora di chiusura e la cassa della donna era l'unica ancora aperta. Mentre gli ultimi clienti si affrettavano a mettere nel carrello gli ultimi acquisti, un uomo, forse, sulla cinquantina, si è avvicinato alla cassiera puntandole una pistola dritta contro la testa e intimandogli di consegnargli il denaro. Sotto la minaccia dell'arma da fuoco la donna ha ubbidito, mettendo nelle mani del malvivente un bottino di circa 700 euro. Successivamente l'uomo si è dileguato e sul posto sono arrivate due pattuglie dei carabinieri della stazione locale per effettuare i rilievi del caso. Il Norm di Villafranca ha provato a perlustrare la zona ma del rapinatore non c'era neppure l'ombra. 
Non sono molti gli elementi in mano agli inquirenti: il criminale sarebbe un italiano non più giovanissimo, che ha agito con una parrucca ma a viso scoperto. Nella frenesia del momento, la donna non ha notato se quella che aveva in mano era una pistola vera o meno e l'esercizio purtroppo è sprovvisto di telecamere: identificarlo sarà quindi ancora più complesso. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Punta la pistola sulla testa della cassiera: "Dammi i soldi". Poi fugge con un bottino di 700 euro

VeronaSera è in caricamento