Cronaca Piazzale Stazione Vr. Porta Nuova

Porta Nuova, riprendono i lavori della filovia. Corsi: “Finalmente abbiamo l’autorizzazione dei militari”

Il cantiere dovrà essere terminato entro Vinitaly, così in questi giorni verrà rivisto poco per volta il progetto dei tratti che compongono i 23 chilometri e mezzo della rete dei filobus. L'assessore: "Motori a diesel per il centro storico"

I militari hanno concesso venerdì l’autorizzazione a continuare i lavori per installare nuove fondamenta di sostegno alle linee elettriche dei filobus. Come si legge sulle pagine de L’Arena, i ritardi dei giorni precedenti erano causati dalla mancata approvazione della bonifica. Nella zona adiacente al piazzale di Porta Nuova infatti potrebbero trovarsi ancora ordigni bellici inesplosi, per cui è bene procedere alle verifiche. Il cantiere deve essere terminato entro il 20 marzo, in occasione di Vinitaly, come previsto dall’accordo con Grandi Stazioni.

Il tracciato della filovia è stato ridefinito nel corso di un nuovo incontro tra l’assessore alla mobilità Enrico Corsi, Amt e i tecnici del Consorzio cooperative costruzioni. Sul percorso Saval-Stazione Porta Nuova verrà attuata qualche piccola modifica, con il prolungamento della linea fino a Piazzale Cadorna. L’assessore Corsi, descrivendo il nuovo sistema di trasporto di massa che coprirà la città con un reticolo di 23 chilometri e mezzo, spiega come il progetto esecutivo venga verificato linea per linea, la prossima volta sarà il turno del tratto Stadio-San Michele-Borgo Venezia. Nel centro storico invece il mezzo avrà un motore diesel, ma l’azienda che doveva fornirlo è fallita per cui si sta cercando un’alternativa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta Nuova, riprendono i lavori della filovia. Corsi: “Finalmente abbiamo l’autorizzazione dei militari”

VeronaSera è in caricamento