Cronaca Borgo Venezia / Via Antonio Pisano

La polizia prima lo pedina e poi scatta la perquisizione: gli trovano addosso la cocaina

Gli uomini della Questura scaligera proseguono nella loro attività contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti e anche questa volta i servizi di osservazione in borghese hanno dato i loro frutti

Continuano senza tregua le attività di contrasto allo spaccio ed al traffico di stupefacenti messe in campo dalla Questura di Verona tramite specifici servizi di osservazione in borghese svolti dalla Squadra Mobile.

Proprio in uno di questi servizi avvenuto ieri pomeriggio, gli uomini della Squadra Mobile hanno proceduto all’arresto di un cittadino marocchino trovato in possesso di cocaina. I poliziotti si trovavano nella zona di Borgo Venezia, quando hanno individuato il maghrebino, già conosciuto per i suoi precedenti, nei pressi di Piazza Nogarola. Dopo averlo pedinato per un tratto di strada, giunti all’altezza di Via Pisano, gli Agenti lo hanno fermato per evitare che si dileguasse e hanno dato il via alla perquisizione. Ed in effetti le loro intuizioni si sono rivelate fondate: l’uomo, infatti, è stato trovato in possesso di un involucro di cellophane termosaldato contenente 10 grammi di cocaina.
Alla luce di quanto accertato, C.R., 38enne marocchino pluripregiudicato, è stato tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. È di qualche ora fa poi la convalida dell’arresto da parte dell’Autorità Giudiziaria e l’applicazione nei confronti del marocchino dell’obbligo di firma, in attesa del processo che è stato differito al prossimo mese di maggio, stante la richiesta dei termini a difesa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia prima lo pedina e poi scatta la perquisizione: gli trovano addosso la cocaina

VeronaSera è in caricamento