menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto web

Foto web

Verona, pizzicato a bordo di un motorino rubato nel 1985: dopo 29 anni slitta ancora il processo

Una vicenda lunga quasi trent'anni, ma non ancora conclusa. Nel 2007 era stato fermato alla guida di un Ciao risultato rubato e denunciato per ricettazione. L'udienza, in programma martedì, è però slittata a metà ottobre

Era il luglio del 1985 quando negli uffici della questura arrivò una denuncia per il furto di un Ciao Piaggio di colore blu. Ventidue anni dopo, il 5 aprile del 2007, nel corso di un normale controllo in via Valverde gli agenti della polizia fermarono Daniele Fiocco a bordo proprio di quel motorino, come confermato dal numero del telaio. Il Ciao venne restituito al legittimo proprietario, mentre a carico di Fiocco, come racconta L'Arena, venne aperto un fascicolo: l'uomo, oggi 48enne e già noto dalle Forze dell'ordine è chiamato a rispondere di ricettazione.

Una vicenda lunga quasi trent'anni, ma non ancora conclusa. Fiocco, difeso dall'avvocato Davide Sentieri e all'epoca del furto non ancora ventenne, avrebbe dovuto presentarsi davanti al giudice Luciano Gorra martedì, non fosse stato per lo sciopero di cinque giorni proclamato dagli avvocati della Camera Penale Veronese.

E così l'udienza è slittata a metà ottobre, con Fiocco che proverà a spiegare di aver acquistato solo alcuni pezzi di ricambio di quel motorino tra cui anche quello con il numero del telaio.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento