Pista ciclabile della Valpantena, incuria e devastazioni: l'accusa del PD e dei cittadini

La pista ciclopedonale che collega la Valpantena a Borgo Santa Croce e che si sviluppa lungo il progno versa in condizioni sempre più critiche. Comitati, politici e abitanti si appellano a Palazzo Barbieri

Fonte: Facebook - Roberto Fenzi

Mentre la Regione Veneto finanzia 300 chilometri di piste ciclabili, la ciclopista che collega la Valpantena a Borgo Santa Croce versa in condizioni sempre più critiche. La pista ciclopedonale lungo il progno è stata protagonista di un evento a fine maggio, organizzato in collaborazione con Gli Amici della Bicicletta, che aveva l'obiettivo di portare alla ribalta i problemi legati all'incuria e alla devastazione del percorso. Nonostante il successo di "Un Progno di Idee", la situazione della pista ciclabile della Valpantena è ancora cattiva, anzi, è pure peggiorata.

Dà spazio al problema L'Arena, che pubblica le dichiarazioni del consigliere comunale del PD, Damiano Fermo: "La situazione è peggiorata. Gli argini stanno cedendo e al centro del percorso si sono aperte crepe molto lunghe e larghe almeno dieci centimetri, davvero pericolose, soprattutto per chi va in bici. Già da un mese, anche insieme agli Amici della bicicletta, abbiamo fatto presente la situazione agli uffici comunali, ma senza risposta. Abbiamo ricevuto segnalazioni di persone che sono cadute e si sono fatte male. Bisognerebbe almeno coprire queste buche, per evitare che possano accadere episodi più gravi. Basta un attimo di distrazione e con la bici ci si finisce dentro. Se non avremo risposte, andremo all'Amia a farci dare un po' di ghiaia per coprire noi, magari con l'aiuto di qualche volontario, le buche. Non sarà una soluzione definitiva, ma sicuramente non si può lasciare la pista in queste condizioni. Tra l'altro il Genio civile sta operando proprio nelle vicinanze, si potrebbe chiedere di intervenire per sanare la situazione". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento