menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Verona, picchia la mamma per soldi e la fa cadere dalle scale: il vicino interviene. 43enne in carcere

L'uomo che abita a fianco ha assistito alla terribile scena di urla, bestemmie, offese dirette al padre. Nulla sembrava poter calmare quel figlio con una vita segnata da alcol e droga. La donna è finita all'ospedale con il polso spezzato

L’ha trovata distesa sulle scale, malconcia e dolorante ad un braccio. È stato lui, il vicino di casa infermiere, a prestare soccorso alla donna 75enne dopo che era stata malmenata e lasciata a terra dal figlio. Sempre lui che ha interrotto il forte litigio scoppiato all’interno delle mura domestiche. Quando è intervenuto ha assistito alla terribile scena di urla, bestemmie, offese dirette al padre. Nulla sembrava poter calmare quel figlio di 43 anni con una vita a dir poco movimentata alle spalle. Il suo passato contava la dipendenza da alcol e droga e più di una volta era ricorso ai genitori per farsi dare soldi. La violenza che ne derivava aveva spinto però i due genitori a ritirargli le chiavi di casa e ad ottenere dai giudici il divieto di avvicinamento nella loro casa di Avesa.

Proprio in quell’abitazione, giovedì scorso, si è consumato l’ennesima litigata violenta. Verso le 20 si era presentato davanti a padre e madre per chiedere una somma di denaro. Al netto rifiuto il figlio si sarebbe indispettito a tal punto da mettere le mani addosso alla donna. L’avrebbe spintonata vicino alle scale, facendola irrimediabilmente cadere. A terra la donna avrebbe battuto il braccio talmente forte da spezzarsi il polso. A quel punto l’intervento provvidenziale del vicino di casa, che ha chiamato il 118 che sul posto ha inviato un ambulanza. Intanto anche la polizia era stata avvisata. Dopo aver cercato di calmarlo, non senza fatica dato che al loro arrivo gli agenti lo hanno trovato ancora furioso con il padre, è stato trasferito in carcere a Montorio. Arresto convalidato e per lui è stata disposta la permanenza dietro le sbarre. A suo carico c’è la denuncia per maltrattamenti presentata dai genitori. Il loro figlio in aula ha deciso di non rispondere alle domande del giudice.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento