Verona, pattuglie Anticrimine battono a tappeto la città: arrivano serie di controlli e una denuncia

I quartieri interessati dalla polizia sono stati quelli di Veronetta, Borgo Venezia, centro città e Borgo Trento, dove autoveicoli, persone e un locale pubblico sono stati oggetto di verifiche

Si ripetono ancora i controlli straordinari del territorio in città, a cura delle pattuglie dell'Anticrimine di Padova: in questo contesto s’inseriscono  quelli svolti lunedì sera, a partire dalle 19 e fino a tarda notte, che hanno dato un rinforzo a quelli ordinariamente svolti dalle Volanti della Questura di Verona. I quartieri interessati dall’azione di prevenzione e "battuti a tappeto" dagli equipaggi di rinforzo sono stati quelli di Veronetta, Borgo Venezia, centro città e Borgo Trento, dove autoveicoli, persone e un locale pubblico sono stati oggetto di verifiche.

I DATI - 37 sono le persone identificate, di cui 22 extracomunitarie. Quattro, invece, quelle sottoposte a fermo per identificazione ed una denunciata in stato di libertà per il furto di un iPhone. Quattordici, invece, sono stati i veicoli fermati ed oggetto di controllo. Due gli episodi salienti. Nel corso di un intervento per una persona ferita a seguito di una lite, un 40enne rumeno coinvolto nella vicenda è stato identificato e scoperto quale destinatario di una nota di rintraccio da parte delle Forze dell’ordine per il reato di indebito utilizzo di carte di credito e, per tale motivo, accompagnato in questura, fotosegnalato e denunciato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il secondo episodio riguarda, invece, il furto di un iPhone risalente a qualche sera fa. Il responsabile, un 22enne italiano di origini marocchine, infatti aveva cercato di rivendere il maltolto a dei coetanei ghanesi nei pressi di via XX Settembre. Ma i tre centrafricani, vedendo la pattuglia della polizia nelle vicinanze, ne hanno subito richiamato l’attenzione, consegnando il telefono ed indicando il malvivente, che così è stato prontamente fermato, identificato e denunciato a piede libero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

Torna su
VeronaSera è in caricamento