Cronaca Stadio / Via Marco Vitruvio

Verona, passano la notte a rubare dalle auto e fuggendo in bici: beccati dentro un garage all'alba

Tre ragazzi di cui due minori fermati due volte nel giro di pochi minuti dalla polizia. Li seguono nell'autorimessa e li sorprendono prima nascondersi tra le macchine parcheggiate e poi li notano armeggiare

Weekend denso di interventi per la polizia di Verona. Gli agenrti delle Volanti hanno effettuato numerose operazioni, che hanno permesso di fermare alcuni piccoli criminali in città. Il primo episodio si è svolto in piena notte, intorno alle 04e30, quando l’attenzione della pattuglia, in via San Marco, è stata attirata da tre giovani che, a bordo delle loro biciclette, erano entrati in gran velocità nel parcheggio all’altezza dell’incrocio con via Vitruvio. Insospettiti, i poliziotti li hanno seguiti dentro il parcheggio, dove li hanno ritrovati mentre cercavano di nascondersi dietro le auto in sosta. I tre giovani, due dei quali ancora minorenni, sono stati identificati e si sono giustificati dicendo di essere alla ricerca di un bar aperto.

Una volta allontanati, visto il notevole nervosismo mostrato durante il controllo, i poliziotti hanno però deciso di continuare ad osservarli a distanza e li hanno notati chinarsi ed armeggiare dietro un’auto. Successivamente, il più grande dei tre, 22enne di origini campane e domiciliato a Verona, accortosi della presenza della Volante, si era liberato dell’oggetto che aveva in mano, buttandolo sotto l’auto. A quel punto, i poliziotti, fermati nuovamente i tre giovani, hanno recuperato uno zainetto contenente un’autoradio con frontalino, il quale era stato asportato poco prima da un’auto in sosta. Accompagnati in Questura, il maggiorenne è stato arresto per il reato di furto aggravato in concorso con minori imputabili. L'arresto è stato convalidato dal giudice e il 22enne punito con 4 mesi di reclusione. La pena è stata sospesa.

Un secondo arresto è stato invece operato su ordine di esecuzione del Tribunale di Bologna nei confronti di un 20enne albanese, già destinatario dell’obbligo di dimora, il quale, avendo alcune settimane fa partecipato ad un furto con strappo poi sventato dalla polizia, si è così “guadagnato” la custodia cautelare in carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, passano la notte a rubare dalle auto e fuggendo in bici: beccati dentro un garage all'alba

VeronaSera è in caricamento