Verona, palline di silicone su citofoni e cassette postali: sarebbe il nuovo codice dei ladri

Segnalazioni in successione ai carabinieri da alcune abitazioni di Valeggio sul Mincio. Conferme dagli investigatori: "Riteniamo siano segnali per indicare l'appetibilità delle case da 'visitare'. Pattuglie in aumento"

Controllano, parcheggiano le auto, suonano ai campanelli e lasciano segnali per il futuro su cassette della posta e congelate di ingresso a case e palazzine. Questo il modus operandi della presunta banda di ladri che da qualche giorno ha messo in allarme residenti dei paesi del Garda e di Valeggio sul Mincio. Si teme un’escalation di furti proprio con l’approssimarsi delle festività, sfruttando l’assenza dei proprietari. Per ora si tratterebbe solo di indizi, raccolti dai carabinieri della Compagnia di Peschiera del Garda a seguito di alcune segnalazioni. A far drizzare le antenne per “maggior cautela” è il comandante Francesco Milardi, ex capo del Nucleo investigativo di Verona.

“Da inizio dicembre - spiega Milardi - abbiamo intensificato i controlli su strada e nei quartieri residenziali, oltre alle pattuglie già presenti in centri commerciali e zone molto frequentate. Qualche giorno fa abbiamo però ricevuto in successione alcune chiamate dai residenti di Valeggio e abbiamo indagato notando che vicino ai citofoni, così come sulle cassette delle lettere, sono comparse palline di silicone trasparente, quello usato per le piccole riparazioni domestiche”. Secondo i carabinieri non sarebbero altro che “segnali” ad indicare l’appetibilità dell’appartamento o della casa. I furfanti, mediante un tubetto facilmente reperibile nei negozi di ferramenta, applicherebbero una piccolissima quantità di collante: un pallina che termina con l’arricciatura e che è difficilmente inquadrabile, dai non esperti, come un codice dei ladri.

I militari dell’Arma avrebbero trovato conferme in diverse case valeggiane, dopo aver raccolto le testimonianze dei residenti. “I cittadini ci hanno chiamato - continua Milardi - dopo aver notato auto sospette aggirarsi nella propria zona di residenza. Alcune persone parcheggiavano l’auto e si sono azzardate a suonare anche i campanelli”. La scorsa estate era tornato alla ribalta anche l’ “alfabeto” dei ladri. Codici e segni in uso ai ladri che aveva spinto l’amministrazione veronese di San Bonifacio a lanciare l’allarme tra i residenti. 

casa-furto-ladri-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Persona investita da un'auto, trasportata d'urgenza in ospedale: è grave

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Ladri acrobati si arrampicano fino al quinto piano e svaligiano l'appartamento

  • Braccato dai carabinieri per il tentato omicidio della fidanzata, si dà fuoco

Torna su
VeronaSera è in caricamento