menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, all'ospedale di Borgo Trento per una visita e l'ecodoppler: "Ripassi nell'agosto 2016"

La signora 67enne di Santa Lucia si era rivolta al suo medico di base che però non le aveva rilasciato sull'impegnativa l'indicazione di "urgenza" che le permette di non aspettare tanto per l'esame, uno dei più effettuati

I tempi biblici per le prestazioni sanitarie sono ormai oggetto di battute e scherzi. Un tono di rassegnazione aleggia tra i pazienti per quanto bisogna aspettare. Tanto che alcuni prendono appuntamento e poi, visto che passano mesi, si dimenticano di andarci. Chissà se la signora veronese di 67 anni si scorderà della sua visita. Per un ecodoppler a Borgo Trento dovrà ripassare in ospedale il 25 agosto del 2016. Oltre due anni di attesa. E fortuna che Domenica Sandrini, residente a Santa Lucia, non ha particolari patologie, ma deve solo sottoporsi ad un accertamento.

Lei, come spiega L’Arena, “ride per non piangere”. Soffrendo di ipertensione, si era rivolta al suo medico di base che però non le aveva rilasciato sull’impegnativa l’indicazione di “urgenza” che le permette di non aspettare tanto per l’esame, uno dei più effettuati negli ospedali. La signora è rimasta stupefatta: solitamente passano giorni e mesi prima di una visita. Ma non anni, addirittura due. Ora sta pensando di andare in una struttura privata, dove la visita le potrebbe costare anche più di 100 euro. L’alternativa resta comunque quella di rivolgersi ad altre strutture pubbliche dove la coda sia più breve.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento