Cronaca San Martino Buon Albergo / Via Sant'Antonio

Verona, sviene nella cella freezer all'Aia: 40enne rischia di morire assiderato

Incidente sul lavoro all'alba, negli stabilimenti di San Martino Buon Albergo. Vittima un operaio che è scivolato e ha sbattuto la testa, perdendo conoscenza. Lo ritrova un collega dopo due ore a -20 gradi

Preoccupano le condizioni dell'operaio di 40 anni rimasto coinvolto in un incidente sul lavoro, a San Martino Buon Albergo. L'uomo ha rischiato di morire assiderato perchè svenuto nella cella freezer a meno 20 gradi. L'allarme è scattato, verso le 5 del mattino, nell'azienda "Aia" di via Sant'Antonio. A salvarlo è stato un collega che ha subito chiamato il 118. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, intervenuti sul posto con i tecnici dello Spisal, il dipendente stava ultimando alcune operazioni di scarico in una delle celle a bassa temperatura dello stabilimento alimentare quando è scivolato e ha sbattuto la testa, perdendo conoscenza. Sarebbe rimasto al freddo gelido per almeno due ore, prima che un collega lo ritrovasse svenuto sul pavimento. Immediata la chiamata a VeronaEmergenza e poi ai militari della stazione locale. Le operazioni di salvataggio non sono state semplici.

La cella, alla quale si accede tramite una scaletta, era posizionata ad alcuni metri da terra. Per poterlo soccorrere e portare in ospedale i sanitari hanno dovuto imbragarlo e trasferirlo a terra. Poi la corsa all'ospedale. Il 40enne, residente a Colognola ai Colli, è stato ricoverato nel reparto di Terapia intensiva per le conseguenze dell'assideramento. Non sarebbe in pericolo di vita.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, sviene nella cella freezer all'Aia: 40enne rischia di morire assiderato

VeronaSera è in caricamento