menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Tosi presenta il Live Dog Park in zona Bassona

Il sindaco Tosi presenta il Live Dog Park in zona Bassona

Verona, cani aggressivi sotto controllo con museruola e assicurazione

Non basta il guinzaglio. Ordinanza del Ministero della Salute: il proprietario è sempre responsabile del benessere e della conduzione dell'animale e risponde di danni o lesioni, sia civilmente che penalmente

Non solo guinzaglio e museruola in luogo pubblico, ma anche polizza assicurativa di responsabilità civile per i proprietari dei cani aggressivi. Sono queste alcune delle prescrizioni contenute nell’ordinanza del ministro della Salute del 6 agosto 2013 e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dello stesso giorno. La nuova disposizione ministeriale va oltre la conferma dell’obbligo incondizionato di museruola e del guinzaglio per tutti i cani aggressivi quando sono in pubblico: prevede ad esempio che Il proprietario di un cane è sempre responsabile del benessere, del controllo e della conduzione dell'animale e risponde di danni o lesioni, sia civilmente che penalmente. L’ordinanza stabilisce poi che chiunque, a qualsiasi titolo, accetti di detenere un cane non di sua proprietà, ne assume la responsabilità per il relativo periodo.

A questi principi generali seguono poi prescrizioni specifiche per proprietari e possessori: oltre all’obbligo di guinzaglio, museruola e pulizia delle deiezioni, l’affidamento del cane solo a persone in grado di gestirlo correttamente, l’acquisizione di informazioni sulle sue caratteristiche fisiche ed etologiche nonché sulle norme in vigore al momento dell’acquisto, il monitoraggio del suo comportamento, che deve essere adeguato alle specifiche esigenze di convivenza con persone e animali rispetto al contesto in cui vive. Altro aspetto contenuto nell’ordinanza riguarda i corsi di formazione: Comuni e servizi veterinari delle Aziende sanitarie locali dovranno organizzare corsi di formazione, che il medico veterinario segnalerà ai proprietari di cani. Nell'interesse della salute e incolumità pubblica, il medico veterinario ha anche l’obbligo di segnalare all'Azienda sanitaria locale la presenza tra i suoi assistiti di cani che richiedono una valutazione comportamentale, perché di gestione impegnativa L’ordinanza prevede poi che a seguito di episodi di morsicatura, aggressione o sulla base di altri criteri di rischio i Comuni, su indicazione dei servizi veterinari, stabiliscano quali proprietari di cani hanno l'obbligo di svolgere i percorsi formativi. Come nelle precedenti ordinanze, viene confermato l’obbligo per i proprietari dei cani pericolosi di stipulare una polizza di responsabilità civile, nonché le limitazioni al possesso di questi animali da parte dei minorenni e dei soggetti con la fedina penale compromessa.

Per quanto riguarda la tutela della salute degli animali, sono confermati i divieti di interventi chirurgici per scopi diversi da quelli di carattere sanitario e curativo. Il riferimento specifico è al taglio della coda, delle orecchie e alla recisione delle corde vocali, che possono innescare responsabilità penali previste dalla legge 189/2004 sul maltrattamento degli animali.  Resta l’obbligo, generalizzato per chiunque porta a spasso il proprio cane, di portare con sè strumenti di pulizia atti a raccogliere le feci; norme, queste ultime, peraltro già contenute in molte ordinanze e regolamenti locali. In un prossimo futuro l’intera disciplina sarà però oggetto di un riordino complessivo, visto che lo scorso 26 luglio il governo ha licenziato un disegno di legge, incaricando proprio il ministero della Salute di arrivare ad una disciplina organica in materia di tutela dell'incolumità personale, relativamente alle aggressioni dei cani e di divieto di utilizzo e detenzione di esche o di bocconi avvelenati.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento