Cronaca Peschiera del Garda / Lungolago Giuseppe Garibaldi

Verona, notte di allagamenti sul Garda: cantine, hotel, negozi e campeggi sommersi. Decine di Sos

Il temporale di mercoledì si è fatto sentire più pesantemente a partire dalla mezzanotte. In poco tempo negli scantinati è sceso oltre mezzo metro d'acqua che dopo un po' non è più riuscita a defluire. Colpita soprattutto Peschiera e frazioni

Una storia che si ripete, in provincia. "Bomba d'acqua", la chiamano, a segnalare la grande quantità di precipitazioni caduta in poco tempo. Ad essere colpito è stato ancora il lago di Garda che quest'estate sembra aver preso l'eredità, anche se in termini minori, di quell'Est Veronese già troppe volte martoriato dal maltempo. Il temporale di mercoledì si è fatto sentire più pesantemente a partire dalla mezzanotte. In poco tempo negli scantinati e nelle case è sceso oltre mezzo metro d'acqua che dopo un po' non è più riuscita a defluire. La zona maggiormente colpita è stata quella di Peschiera del Garda. Non sono stati segnalati ferimenti a persone ma le decine e decine di chiamate a vigili del fuoco, guardia costiera, carabinieri e 118 hanno segnalato allagamenti un po' ovunque, dalle campagne circostanti il comune a scantinati, negozi, hotel, residence.

Al campeggio "Butterfly" sul lungolago Garibaldi i turisti sono rimasti "imprigionati" da settanta centimetri d'acqua che non permetteva loro nemmeno di muoversi. Zone che hanno interessato maggiormente l'intervento dei soccorsi sono state quelle di Fornaci, Broglie e soprattutto San Benedetto Lugana, dove la cantina sociale "Zenato" è stata letteralmente sommersa dall'acqua sugli oltre 1300 metri quadrati. Dalle 23 di mercoledì sera quattro equipaggi dei vigili del fuoco si stanno turnando per prosciugare i locali. L'acqua è penetrata con foga tale che le grosse botti di legno si sono issate e hanno cominciato a galleggiare. Per evitare pericoli gli uomini dei soccorsi stanno tentando di riposizionarle man mano che l'acqua scende. La stima dei danni si aggira sui 100mila euro.

Ha preoccupato, ia Peschiera, anche la situazione della principale via Marzan. Secondo il sindaco Orietta Gaiulli almeno la metà dei residenti di Peschiera hanno subito disagi e danni. Frane di fango si sono riversate sulla Regionale 11 e sul litorale. Colpite inoltre con cedimenti le spiagge che portano da Peschiera a San Benedetto. Nel corso della notte i vigili del fuoco sono riusciti ad arginare le criticità maggiori e riportare tutto alla tranquillità con l'acqua che ha cominciato a defluire e ad essere assorbita dai terreni. Ad alimentare gli allagamenti sarebbe stato anche il lago che, già alto per i livelli di cui molto si è discusso, ha impedito vie di fuga all'acqua in eccesso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, notte di allagamenti sul Garda: cantine, hotel, negozi e campeggi sommersi. Decine di Sos

VeronaSera è in caricamento