Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Via Fiera

Verona, no a sciopero nè a assemblea dei vigili durante Vinitaly: "Causerebbe enormi problemi"

La Giunta di Verona impone di rimandare la protesta della polizia municipale vista la concomitanza con la Fiera del Vino: "Seriamente a rischio la sicurezza con ricadute anche sull’ordine pubblico e alla garanzia per il traffico cittadino"

Prima era stato annunciato lo sciopero, non a caso fissato in una delle giornate da bollino rosso per Verona, dato il Vinitaly. Poi lo stop dalla Commissione di garanzia del'attuazione della legge sullo sciopero negli enti pubblici. Era così arrivato il "rilancio" delle sigle sindacali della polizia municipale: per protesta era stato comunicato all'ufficio Personale del Comune l'indizione di due assemblee del personale di polizia. Sempre per domenica 22 marzo, dalle 9e30 alle 12 e dalle 17 alle 19e30. In pratica negli orari di punta del Vinitaly, per traffico e presenza di visitatori. Una decisione difficile da accettare per il Comune che nelle scorse ore ha stabilito: "Niente da fare. Le assemblee si faranno, ma più avanti".

La Giunta comunale di Verona, infatti, nella seduta di giovedì, ha deciso che le assemblee sindacali del personale della polizia municipale, convocate per domenica 22 marzo, debbano essere differite ad altra data, in ragione della concomitanza con la giornata di apertura di Vinitaly 2015. “Date le condizioni eccezionali per la concomitanza con la manifestazione fieristica – ha spiegato l’assessore al Personale, Enrico Toffali - lo svolgimento delle assemblee avrebbe messo seriamente a rischio la sicurezza complessiva con ricadute anche sull’ordine pubblico nelle zone limitrofe al quartiere, con particolare riferimento alle prioritarie esigenze di garanzia per il traffico e la viabilità cittadina, causando enormi problemi al normale svolgimento della rassegna e generando sicure e gravi conseguenze negative per l’intera città di Verona”. Il differimento delle assemblee ad altra data sarà quindi comunicato alle rappresentanze sindacali promotrici secondo le modalità previste dall’articolo 2 del "Contratto collettivo nazionale Quadro".  

Gli agenti della Municipale di Verona lamentano da mesi "inesistenza di programmazione dei turni", così come "spostamenti d'orario con insufficente preavviso", "difficoltà a concedere cambi di turno", troppi "blocchi ferie e congedi", utilizzo "improprio degli straordinari", mancato rispetto del periodo di riposo e "alto numero di procedimenti disciplinari".

VINITALY 2015: DIVIETI, PARCHEGGI, CONTROLLI. TUTTE LE INFORMAZIONI

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, no a sciopero nè a assemblea dei vigili durante Vinitaly: "Causerebbe enormi problemi"

VeronaSera è in caricamento